Sabato 24 Agosto 2019
Fondi comunitari per la tutela e la valorizzazione di percorsi ed edifici rurali


Aree protette, dalla Regione 2 milioni di euro per la Riserva di Fiumedinisi-Monte Scuderi

di Redazione | 13/08/2019 | AMBIENTE

338 Lettori unici

Ventisette milioni di euro, da parte della Regione Siciliana, a favore di venticinque aree protette dell'Isola. L’Assessorato Territorio e Ambiente ha infatti dato il via libera alla graduatoria definitiva del bando relativo all’azione 6.6.1 del Po Fesr Sicilia 2014-2020. Previsti interventi per la tutela e la valorizzazione di zone in ambito terrestre, marino e paesaggi tutelati. Le risorse saranno destinate agli Enti gestori delle riserve e dei Parchi naturali, alle Associazioni ambientaliste e ai Comuni. Nella zona jonica messinese arrivano 2 milioni di euro per il Comune di Fiumedinisi, destinati per il recupero e la riqualificazione del Sentiero Italia - Strada provinciale agricola 115, nel tratto da Piano Margi a Portella Acqua Menta, con realizzazione di interventi per la tutela e valorizzazione delle aree di pregio naturalistico e ambientale e la ristrutturazione dell’ex casa cantoniera provinciale, per il miglioramento della fruibilità della Riserva naturale orientata Fiumedinisi e Monte Scuderi. Il progetto prevede un intervento dal costo totale di 2 milioni 008mila 103 euro, di cui 1 milione 160mila 117 per lavori e 847mila 986 per somme a disposizione, con la realizzazione di percorsi e di altre vie di accesso della Rete ecologica regionale, reti sentieristiche e ciclopedonali di raccordo esterno tra le aree protette, sentiero Italia-Regione Siciliana, la realizzazione di aree verdi attrezzate, orti botanici, punti di osservazione, attrezzature e strutture dirette al miglioramento della fruizione del patrimonio ambientale, il recupero di strutture non utilizzate purché abbiano caratteristiche legate alle tradizioni o alla storia del territorio, il recupero di edifici rurali, mulini ed altre tipologie per l’istituzione di centri visita con punti di informazione e piccole strutture ricettive; la riqualificazione di aree, siti di particolare valore paesaggistico, ambientale e funzionali allo sviluppo di un turismo eco-compatibile e sostenibile e riutilizzo di aree degradate in contesti di elevata valenza ambientale.

“Un altro tassello si aggiunge al costante lavoro di salvaguardia e valorizzazione del territorio siciliano – commenta il presidente della Regione Nello Musumeci - un luogo ricco di natura e impreziosito da testimonianze storiche che per noi rappresentano vere e proprie miniere a cielo aperto. Con queste risorse miglioreremo la fruibilità e la capacità attrattiva di alcune delle riserve e dei Parchi naturali più apprezzati di Sicilia”. “Per la prima volta in Sicilia, grazie al governo Musumeci - sottolinea l’assessore al Territorio e ambiente, Toto Cordaro - il concetto di pianificazione in materia ambientale assume i connotati della realtà, lasciando a un passato, anche recente, slogan e annunci sterili. Abbiamo individuato un percorso per coniugare tutela e valorizzazione dei nostri straordinari beni ambientali e lo seguiremo fino in fondo attraverso finanziamenti importanti, coinvolgendo il territorio e tutti gli stakeholders che vorranno contribuire partecipando attivamente al rilancio del territorio”. La fase istruttoria e la graduatoria finale degli interventi sono state curate dal dipartimento dell’Ambiente diretto da Giuseppe Battaglia.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.