Mercoledì 20 Novembre 2019
I dati del primo quadrimestre: percentuali in crescita. Pagliara ultimo in Sicilia


Differenziata, bene Taormina e Giardini, male Letojanni e S. Alessio: S. Teresa retrocede

di Andrea Rifatto | 21/09/2019 | AMBIENTE

4115 Lettori unici

Raccolta porta a porta a S. Teresa

Sorprese in positivo e negativo dai dati relativi alla raccolta differenziata nel primo quadrimestre dell’anno diffusi ieri dal Dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti. In Sicilia le percentuali crescono verso il 40% e se si escludono le tre grandi città (Palermo 19%, Catania 12% e Messina 23%) la media dell’Isola cresce avvicinandosi al 50% e in linea con quella dei comuni dell’Italia meridionale. In provincia la media del primo quadrimestre è del 35,5% (gennaio 34,93%, febbraio, 34,71%, marzo 35,60%, aprile 36,61%) e numeri importanti arrivano anche dalla zona jonica messinese, non senza qualche sorpresa. La prima è che il comune di S. Teresa, che aveva chiuso il 2018 al 12° posto nella classifica siciliana con il 76,4%, è sceso adesso in 34° posizione (a guidare la graduatoria è Contessa Entellina con il 97,5%) in base ai dati dei primi quattro mesi del 2019, anche se con una percentuale di differenziata lievemente inferiore (75%) che però non è stata sufficiente ad evitare il sorpasso di una ventina di comuni. I centri che riescono a superare la soglia di legge del 65% sono ancora pochi: oltre S. Teresa troviamo infatti Fiumedinisi al 36° posto con il 74,8%,Nizza (37°) al 74,7%, Furci (69°) 71,5%, Alì (75°) 71,1%, Antillo (97°) 68,6%, Roccalumera (98°) 68,6%, Alì Terme (102°) 68%; seguono Limina 61,8%,%, Itala 60%, Giardini 59,2%, Roccafiorita 56,9%, Francavilla 54,8%, Gaggi 52,9%, Taormina 44,4%, Savoca 34,9%, Casalvecchio 33,7%, Scaletta 31,4%.

Ancora poco virtuosi tutti gli altri, che nel primo quadrimestre sono rimasti sotto il 30% di raccolta differenziata: Graniti 29,3%, Malvagna 26,6%, Gallodoro 23,6%, Forza d’Agrò 23,5%, Mandanici 23,2%, S. Alessio 22,5%, Mongiuffi Melia 15,9%, Castelmola 11,9%, Letojanni 5,6%, Pagliara 0,1%.2 A Taormina si registra sicuramente un miglioramento, visto che il 2018 era stato chiuso al 24,9% e adesso, anche grazie all’avvio del porta a porta, si è saliti al 44,4%, così come è nettamente migliorata la situazione a Giardini, dove dall’11,3% del 2018 si sfiora nel 2019 il 60%. C’è ancora molto da lavorare a Letojanni, che aveva chiuso lo scorso anno con l’11,6% e nei primi quattro mesi di quest’anno è scesa al 5,6%, segno che il sistema non ha funzionato: si attendono dati migliori nei prossimi mesi con il primo bilancio del porta a porta. In generale è calato il conferimento dell’indifferenziato in discarica anche se tutti i comuni soffrono la carenza di impianti per lo smaltimento dell’organico, che spesso finisce in discarica facendo diminuire le percentuali della differenziata. 

LA CLASSIFICA COMPLETA


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.