Mercoledì 20 Marzo 2019
Accordo con il ministero dell’Ambiente: fondi per le zone jonica e tirrenica


Dissesto idrogeologico, dalla Regione 23 milioni per la provincia di Messina

di Redazione | 16/10/2018 | AMBIENTE

1030 Lettori unici

In arrivo in Sicilia oltre 44 milioni di euro per la riduzione del rischio idrogeologico e contro l’erosione costiera. É il frutto di un aggiornamento dell’Accordo di programma tra la Regione Siciliana e il ministero dell’Ambiente, ratificato dalla Giunta Musumeci. “Si tratta di interventi urgenti e prioritari per la salvaguardia della vita umana e per la sicurezza delle infrastrutture, del patrimonio ambientale e culturale – sottolinea il governatore – in alcuni casi sono nuove opere, in altri manutenzioni ordinarie e straordinarie. Purtroppo nell’Isola, in molte aree, il territorio è a rischio e senza efficace tutela e prevenzione, come spesso nel passato è avvenuto, il pericolo di tragedie è elevato. Ecco perché, fin dall’insediamento, il mio governo ha considerato prioritario intervenire in questo settore”. Le opere finanziate sono venti e ricadono nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo e Siracusa. In provincia di Messina arrivano 23,1 milioni di euro per opere in città e provincia, sia sulla zona jonica che tirrenica: a Castelmola finanziati due milioni di euro per completare il consolidamento del costone roccioso a valle del centro abitato Cuculunazzo-Sottoposta; a Itala con 1,5 milioni di euro si provvederà alla regimentazione idraulica dell’area franata in località Casaleddu; a Fiumedinisi assegnati 1,9 milioni di euro per contrada Fontana. Interventi rilevanti sono previsti anche a Frazzanò su monti Nebrodi, con due progetti di cinque milioni di euro, per il centro abitato a monte di via della Libertà e Messina, sul litorale tirrenico - tra i torrenti Tono e Gallo – per la manutenzione delle barriere frangiflutti esistenti (tre milioni di euro). Gli altri lavori finanziati sono: Montalbano Elicona (2,4 milioni di euro per la frazione Santa Maria), Raccuja (1,8 milioni di euro, al centro abitato San Nicolò-Carrovetta nel rione Fossochiodo), 2,3 milioni di euro per il centro abitato a valle della via degli Angeli a San Teodoro, due milioni di euro per la contrada Ramisi a Militello Rosmarino e 1,2 milioni di euro che saranno utilizzati a Capri Leone nel centro abitato Torrente Paliace. Fontana).


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.