Lunedì 18 Novembre 2019
Incontro a Pagliara dei comuni della zona jonica per trovare una soluzione


Mare inquinato, tutta colpa di Messina? I sindaci scriveranno al commissario nazionale

di Andrea Rifatto | 02/10/2019 | AMBIENTE

656 Lettori unici | Commenti 1

L'incontro di Pagliara

Cosa possiamo fare per risolvere il problema del’inquinamento del mare che nell’estate appena trascorsa ha fatto insorgere residenti e villeggianti? Se lo sono chiesti i sindaci del comprensorio compreso tra Scaletta Zanclea e Sant’Alessio (assenti solo i rappresentanti dei comuni di Alì, Itala e Forza d’Agrò) riuniti a Pagliara su convocazione del presidente dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, il sindaco di Antillo Davide Paratore, stimolato a portare in discussione l’argomento dal collega di S. Teresa, Danilo Lo Giudice. “Proviamo a capire se è possibile fare qualcosa, è una richiesta che cigiunge dai cittadini e in estate ho ricevuto una lettera da alcuni villeggianti che segnalavano l’inquinamento dell’acqua – ha esordito Paratore – e ho risposto loro che avremmo affrontato il problema congiuntamente, perché non lo possiamo nascondere. L’Unione non ha nessuna competenza in materia ma è un organo che rappresenta tanti comuni e si può fare carico di coinvolgere le amministrazioni tra Giardini e Scaletta”. La soluzione finale individuata su suggerimento del sindaco di Casalvecchio, Marco Saetti, è stata quella di inviare una lettera al commissario straordinario unico per la depurazione del Governo nazionale, Enrico Rolle, per segnalare la problematica e chiedere interventi immediati, “perché noi come Unione non abbiamo competenze tecniche e dati reali sulle fonti di inquinamento e dunque non possiamo arrivare a determinazioni precise – ha evidenziato Saetti – ma possiamo solo evidenziare che non ci sono responsabilità nostre, perché i depuratori della zona funzionano, spiegando i danni che subiamo allo sviluppo turistico del territorio”. Bocciata, quindi, la proposta avanzata durante l’incontro di istituire un tavolo tecnico con le autorità locali e provinciali (Capitaneria di Porto, Arpa, Amam, ecc.) per cercare le cause del fenomeno, in quanto si tratta di un problema più ampio a livello regionale.

 
“È fondamentale discuterne ma inopportuno farlo in estate perché si massacrano gli sforzi che ogni singola amministrazione fa per portare anche un solo turista – ha detto nel suo intervento Lo Giudice – anche con articoli che mostrano il territorio come se fosse una terra dei fuochi, vanificano i sacrifici fatti in termini economici e di servizi. La problematica va affrontata senza comunque voler nascondere nulla perché quello che succede è sotto gli occhi di tutti. I nostri impianti funzionano e i materiali solidi che abbiamo visto galleggiare nel nostro mare non possono provenire dagli impianti di depurazione, il problema va individuato nelle navi che attraversano il mare e negli scarichi diretti che ci possono essere, anche lontano da noi. Il nostro mare comunque è balneabile come certificato dal Ministero della Salute e non dobbiamo trovarci costretti a subire questa cosa e da vittime passare a soggetti che determinano la situazione. Per il sindaco di Sant’Alessio, Giovanni Foti, “il problema è a Messina, che ha due infrazioni europee perché una parte di città non ha fognature e scarica a mare e l’altra depura male, e anche dal fiume Alcantara. La città deve bloccare i propri sversamenti altrimenti i nostri sforzi sono inutili, perché la corrente marina ci massacra. Facciamo un tavolo tecnico con le autorità e anche con il presidente della Regione, che è commissario regionale per le acque”. Tavolo a cui Lo Giudice aveva suggerito di far sedere anche Amam e Consorzio Rete Fognante di Taormina. “Come sindaci l’unico intervento che possiamo fare è la verifica dei depuratori, per un fatto di coscienza e tutela personale – ha aggiunto il primo cittadino di Scaletta, Gianfranco Moschella –  il resto sfugge al nostro controllo e alla nostra determinazione. Il tavolo tecnico può essere utile per meglio comprendere come intervenire su dinamiche che non possiamo dominare noi”. Ma la proposta alla fine è stata bocciata e si è optato per scrivere direttamente al commissario nazionale.


COMMENTI

Santi Costa/Lega Navale Italiana | il 02/10/2019 alle 16:32:35

Come nel mio intervento, fuori ordine del giorno, specifico che si ritiene necessaria un'azione congiunta, da parte di tutti i comuni, e sinergica. Gli allarmismi di questa estate sono stati amplificati. poichè chiunque, si è reputato capace di analizzare spreptococco fecali ed altro, per equazione hanno creato quindi e giustamente l'attenzione degli Ammnistratori. Ribadendo che non esiste un'acqua balneabile od una non, è necessaria la creazione di un Gruppo di lavoro, anche operativo, per controllare, all'atto, eventuali sversamenti, fuoriuscite o scarichi di natura inquinante, qualsiasi sia la provenienza, fogne, private, depuratori, Navi al largo o quant'altro. Bandiera '' Blu '', altresì deve essere acquisita da tutta la riviera da scaletta a S. Alessio. Saremo garanti di controlli, segnalazioni ed aggiustamenti, potendoli inoltrare, essendo la LNI in supporto ed accordi con il Ministero dell'Ambiente. Presidente Lega Navale Italiana Sez C. S. Alessio - C. Alì - Com.te Santi Costa

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.