Martedì 22 Ottobre 2019
Dopo le proteste in città sulla Tares, ribadite varie soluzioni alla giunta Accorinti


Messina, il team RicicliAMO: "Il Comune attui le nostre proposte"

di Sikily News | 15/01/2014 | AMBIENTE

1766 Lettori unici

Dopo il caos cittadino scatenatosi a Messina con l'arrivo della Tares, RicicliAMO Messina, team fondato da Pierluigi D'Amore e composto da professionisti ed imprenditori peloritani il cui obiettivo primario è quello di portare Messina negli standard nordeuropei in tema di rifiuti, ha voluto dire la sua, ribadendo alcuni punti fermi e facendo chiarezza su alcuni aspetti non ben esplicitati dall’Amministrazione comunale guidata da Renato Accorinti. Ecco la nota diffusa oggi:

La tassa prevede il ribaltamento sui cittadini di tutti i costi del servizio (disposizione, comunque, già inserita nel Decreto Ronchi del 1997). Ciò che non prevede è che si ribaltino i debiti pregressi: infatti la Tares 2013 copre "solo" il costo del servizio 2013, non già quanto non versato nelle annualità precedenti. Sul punto, l'Amministrazione comunale ha avuto modo di confondere le acque: certamente la gran parte dei costi del servizio è stata generata dalla struttura di costi ereditata dalle gestioni precedenti, ma è anche vero che tali costi imputabili al servizio per l’anno 2013 sono perfettamente in linea con i corrispettivi di altre città italiane simili a Messina per numero di abitanti. Come mai, allora, i messinesi sono obbligati a pagare quasi il doppio per un servizio scadente e precario? La risposta è semplice: perché in un conto economico non ci sono solamente costi (che, ripetiamo, sono in linea con altre realtà) ma anche i ricavi (non solo quelli derivanti indirettamente dalla Tares).
Messinambiente è riuscita ad incassare dal Conai (consorzio privato per la gestione della filiera degli imballaggi) meno di 100.000 €, a fronte dei 4/5 milioni di altre città con più di 240.000 abitanti. RicicliAMO Messina, progetto presentato all'Amministrazione a luglio, garantisce incassi maggiori di quelli oggi offerti dal Conai (in altre parole, minori costi da ribaltare ai cittadini). In più, garantisce un netto innalzamento della differenziata (con i conseguenti risparmi in termini di conferimento in discarica): quest'ultima garanzia, abbastanza evidente, è data dalla previsione di pagamento in contanti ai cittadini dei rifiuti differenziati. E' vero, come è stato sostenuto dall'Amministrazione, che il Comune di Messina è stato obbligato ad introdurre la Tares, ma è anche vero che ha sul tavolo una soluzione, a costo zero per la casa comunale, già da 7 mesi. A nostro avviso (ma in questa convinzione non siamo evidentemente soli) avrebbe dovuto accelerare l'iter per la realizzazione di RicicliAMO Messina e non metterlo in stallo, come invece è avvenuto, mentre negli ultimi 7 mesi ci è stato detto di aspettare il tavolo tecnico più volte. Il termine "dovuto" non è casuale: un no a RicicliAMO Messina (o comunque l'ostracismo finora dimostrato) non comporta solamente responsabilità politiche e sociali, ma ne comporterebbe anche di civili e penali, posto che si impedirebbe la libera concorrenza tra privati (ovvero tra RicicliAMO Messina e Conai). Non è stata sposata e spinta un'idea che manterrebbe la ricchezza in città e creerebbe un centinaio di nuovi posti di lavoro. Perché? Siamo ancora in attesa delle dovute risposte e del famigerato tavolo tecnico. Queste sono, a nostro modesto avviso, le responsabilità dell'attuale Amministrazione: temi e responsabilità che non è più possibile procrastinare, se non vogliamo che anche il 2014 sia gravato da costi del servizio sempre più alti e ricavi sempre più bassi.

Più informazioni: ricicliamo messina  rifiuti  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.