Venerdì 24 Maggio 2019
Primo appuntamento informativo a S. Teresa. Dall'1 aprile le nuove regole


Plastic free, i commercianti disertano l’incontro. L’appello del vicesindaco

di Andrea Rifatto | 19/03/2019 | AMBIENTE

932 Lettori unici

Il vicesindaco Gianmarco Lombardo

Ce la sta mettendo tutta il vicesindaco e assessore all’Ambiente di S. Teresa di Riva, Gianmarco Lombardo, per far capire l’importanza di intraprendere il percorso verso la strategia plastic free. Ma non mancano indifferenza e disinteresse da parte della popolazione. Si spera sia solo questione di tempo. Ieri era in programma il primo incontro con i commercianti e le associazioni per discutere dei comportamenti da adottare da qui all’1 aprile, data in cui entrerà in vigore l’ordinanza, firmata il 25 febbraio dal sindaco Danilo Lo Giudice, che vieta l’utilizzo di contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili in occasione di feste pubbliche e sagre e dispone che in queste occasioni commercianti, privati, associazioni ed enti distribuiscano al pubblico (visitatori e turisti) esclusivamente posate, piatti, bicchieri e sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile, così da ridurre la produzione di rifiuti e proteggere l’ambiente. Per i trasgressori sono previste multe da 25 a 500 euro. All’incontro previsto ieri pomeriggio al Palazzo della Cultura hanno partecipato solo 4-5 esercenti, oltre ai consiglieri comunali Anna Dominici, Mariella Di Bella e Rosario Pasquale, ai rappresentanti del Comitato Jonico Beni Comuni e dei comitati di quartiere che collaborano alle azioni di informazione e sensibilizzazione decise dall’Amministrazione. Il vicesindaco, rientrato in municipio, ha quindi deciso di diffondere un video per spiegare a tutti i commercianti santeteresini come comportarsi e i vantaggi che si avranno: “Saremo il primo comune in tutto il comprensorio jonico e anche oltre a testare il plastic free – ha esordito – e stiamo iniziando gradualmente solo per gli eventi di ampia portata, ossia manifestazioni pubbliche, festa della primavera, eventi di street food, notte bianca, proprio per non vessare gli esercenti e abituarli a prendere confidenza con questo nuovo modo di intendere l’ambiente. Il risparmio sarà notevole anche in termini di qualità e vivibilità, saranno ovviamente fatti dei controlli e ci teniamo che tutti arrivino preparati all’1 aprile. Ci sono varie alternative alla plastica monouso - ha ricordato Lombardo – come la plastica biocompostabile, in mais, prodotti ecologici presenti da tempo sul mercato e reperibili su internet, oppure è possibile tornare ad usare vetro per i bicchieri e l’acciaio per le posate. Noi siamo pronti, siamo a fianco dei commercianti e sempre disponibili al dialogo e ad accogliere eventuali richieste, vogliamo abituare tutti ad arrivare pronti dal 2021, quando la Comunità europea bandirà nei vari Stati l’utilizzo di plastica monouso. Ci sono anche detrazioni fiscali di circa il 36% - ha aggiunto Lombardo – per chi usa materiale biocompostabile. Dunque è previsto anche un risparmio economico”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.