Venerdì 24 Maggio 2019
La classifica del 2018 stilata dalla Regione. Ancora in ritardo diversi centri


Raccolta differenziata, Limina e S. Teresa tra i comuni più virtuosi in Sicilia

di Andrea Rifatto | 06/04/2019 | AMBIENTE

1135 Lettori unici

Raccolta differenziata a S. Teresa

Qualche passo avanti è stato fatto ma c’è ancora molto da lavorare. La classifica dei comuni della zona jonica e della valle dell’Alcantara stilata dal Dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti in base alle percentuali di raccolta differenziata raggiunte nel 2018 offre diversi spunti di riflessione. A sorpresa il primo centro della graduatoria è Limina, che con il 76,% si piazza all’undicesimo posto, appena mezzo punto distante dalla decima posizione. Il centro collinare ha raggiunto il 100% di differenziata nei mesi di ottobre e dicembre, numeri che evidentemente gli hanno permesso di balzare in alto. La posizione numero 13 è occupata da S. Teresa, uno dei centri più virtuosi, con il 76,4%. Poi un vuoto fino al 172esimo posto, dove troviamo Antillo con il 45,3% di differenziata; seguono Itala con il 42,4% (194), Savoca 39,8% (209), Mandanici 39,1% (213), Roccafiorita 38,3% (217), Casalvecchio 36,5% (228), Gaggi 32,6% (258), Scaletta 33,1% (255), Roccalumera 28,0% (278), S. Alessio 27,4% (283), Taormina 22,4% (309), Furci 18,7% (334), Gallodoro 18,1% (337), Forza d'Agrò 14,7% (351), Castelmola 14,0% (352), Alì 13,6% (353), Letojanni 12,4% (357), Fiumedinisi 11,8% (361), Giardini 11,1% (364), Graniti 11,4% (363), Alì Terme 10,7% (365), Malvagna 9,8% (366), Motta Camastra 5,1% (373), Mongiuffi Melia 4,7% (374), Roccella Valdemone 6,7% (372), Pagliara 2,2% (381), Nizza 2,2% (383), Santa Domenica Vittoria 1,4% (385), Mojo Alcantara 1,4% (386). Ultimo comune della classifica 2018 (posizione 390) è Francavilla, senza alcuna percentuale indicata. I dati dei primi mesi del 2009 non sono ancora stati diffusi dalla Regione.

Rispetto alle percentuali del 2018 la situazione negli ultimi mesi è comunque nettamente migliorata in diverse realtà: a Giardini, con l’introduzione della raccolta porta a porta da novembre, nelle scorse settimane si è raggiunto il 70% di differenziata, così come a Roccalumera e Furci, passate al nuovo corso a giugno. Anche nei centri dell’Aro Valle del Nisi (Nizza, Alì, Alì Terme e Fiumedinisi) le percentuali viaggiano tra il 60 e 70%, mentre stentano ancora i centri dove si effettua una raccolta porta a porta senza contenitori, come Sant’Alessio e Letojanni (paese dove ancora resistono alcuni cassonetti stradali), che si stanno adoperando per acquistare i kit da consegnare agli utenti. A Taormina la differenziata porta a porta è iniziata da pochi giorni ed ancora presto per un primo bilancio.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.