Mercoledì 20 Novembre 2019
Ordinanza del sindaco metropolitano. Nicola Russo prosegue il suo lavoro


Rifiuti, De Luca proroga la gestione Ato Me4 in 17 comuni e conferma il commissario

di Andrea Rifatto | 01/10/2019 | AMBIENTE

389 Lettori unici

Il commissario straordinario Nicola Russo

Firmata ieri mattina la proroga della prosecuzione temporanea in via urgente della gestione Ato Me4 del servizio rifiuti in 17 comuni della zone jonica e della Valle dell’Alcantara. Come avevamo preannunciato domenica, il sindaco della Città metropolitana, Cateno De Luca ha siglato l’ordinanza contingibile e urgente per evitare l’interruzione del servizio e l’insorgere di emergenze igienico-sanitarie, allo scopo di tutelare la salute pubblica e l’ambiente. L’ordinanza proroga la gestione all’Ato Me4 per altri sei mesi, ossia da oggi fino al 28 marzo 2020, in 17 centri dove le attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e lo spazzamento stradale vengono svolte dalla società d’ambito in liquidazione, ossia Antillo, Castelmola, Forza d’Agrò, Gaggi, Gallodoro, Itala, Letojanni, Mongiuffi Melia, Mandanici, Pagliara, S. Alessio, Savoca e Scaletta nella Jonica, Graniti, Motta Camastra, Roccella Valdemone e S. Domenica Vittoria nell’Alcantara. Una firma inevitabile visto che si tratta di un servizio pubblico essenziale che non può subire interruzioni e non vi è ancora la piena operatività della Srr Messina Area Metropolitana, di cui fanno parte i comuni jonici, considerato che il 19 settembre è scaduto il termine di presentazione delle offerte per l’appalto, mentre è già stato affidato l’appalto e sono in corso di definizione le procedure per l’avvio dei servizi nella Srr Provincia, che include i quattro centri alcantarini ancora con l’Ato Me4 oltre Malvagna e Mojo Alcantara, dove la gestione rifiuti è stata affidata con ordinanze sindacali a ditte private già da aprile, De Luca ha confermato alla guida dell’Ato Me4 l’attuale commissario straordinario, l’ingegnere Nicola Russo, in carica dall’1 giugno. A lui spetterà garantire, in nome e per conto dei Comuni, la continuità del servizio di gestione integrata dei rifiuti, avvalendosi della struttura organizzativa in atto esistente nella società d’ambito in liquidazione, nonché dei mezzi, delle attrezzature e degli impianti attualmente utilizzati o gestiti a qualunque titolo e delle relative autorizzazioni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.