Mercoledì 20 Novembre 2019
Il segretario Giacomo Marzullo esprime però preoccupazione sulla gara della Srr


Rifiuti, Uiltrasporti plaude alla gestione Ato Me4: "Cambio di passo e stipendi regolari"

di Redazione | 25/09/2019 | AMBIENTE

1120 Lettori unici

Il segretario provinciale Giacomo Marzullo

È di parere opposto il giudizio della Uiltrasporti Messina rispetto a quello della Fp Cgil sulla gestione commissariale dell’Ato Me4 nei 18 comuni della zona jonica e della valle dell’Alcantara dove la società d’ambito in liquidazione svolge il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Nei giorni scorsi la Cgil aveva denunciato anomalie (LEGGI QUI) accusando il commissario straordinario di inadempienze e lamentando disagi per i dipendenti. Oggi il segretario provinciale Servizi Ambiente del sindacato, Giacomo Marzullo, è intervenuto con una nota evidenziando invece come “finalmente ci sia stato un positivo cambio di passo nella gestione commissariale dei 18 comuni della zona ionica di Ato Me ma temiamo uno stop nelle procedure della gara conclusasi per l’assegnazione del servizio in tutti i comuni della jonica. Restiamo vigili sulla gara per l’assegnazione del servizio rifiuti del comprensorio jonico – esordisce Marzullo – ma evidenziamo primi positivi riscontri dalla nuova gestione commissariale dell’ingegnere Nicola Russo. Dopo anni turbolenti in tutti i 18 comuni jonici rimasti sotto la gestione Ato Me4, da Scaletta Zanclea a Santa Domenica Vittoria, la appena trascorsa stagione estiva, da sempre banco di prova complesso per il comparto rifiuti, è stata gestita sicuramente in modo più attento ed equilibrato dal nuovo commissario, sia per quanto concerne la qualità del servizio offerto ai comuni soci sia per la gestione del personale. Prendiamo atto che gli stipendi ai dipendenti sono stati finalmente pagati con una regolarità da tempo purtroppo sconosciuta e di una ripresa dopo anni delle relazioni con le rappresentanze sindacali aziendali, scardinando sistemi gestionali troppo spesso poco equi e trasparenti”.

“Nella difficile gestione dei Centri comunali di raccolta (Ccr) di Motta Camastra e Furci – continua il segretario provinciale Uiltrasporti Servizi Ambiente – per venire incontro alle necessità del servizio all’utenza, fin dall’incontro del 19 luglio il commissario ha dato incarico al responsabile tecnico di elaborare nuovi orari di apertura dei Ccr, considerata la richiesta dei comuni e modificata l’organizzazione del personale addetto per efficientare i processi. In merito all'utilizzo del personale all'interno del Ccr – prosegue Marzullo – la Uiltrasporti e la Fiadel, presenti ai tavoli di trattativa, hanno condiviso la riorganizzazione e dato parere favorevole per l'utilizzo del personale che presentava limitazioni sanitarie nel servizio esterno. Ad oggi è indubbio che le scelte operate e condivise tra le parti si siano rivelate vincenti, visto che i Ccr sia di Motta che di Furci, hanno ritrovato con la nuova organizzazione migliori condizioni di pulizia e di funzionalità con evidenti ricadute positive sui lavoratori e sui comuni serviti e quindi sull’utenza. Il prossimo ‪30 settembre‬ scadrà l'ordinanza commissariale emessa dal sindaco della Città metropolitana – conclude Giacomo Marzullo - ed auspichiamo pertanto si prosegua nel solco positivo intrapreso in questi mesi mentre manifestiamo forte preoccupazione in merito all’iter della gara indetta dalla Srr Messina Area metropolitana per il servizio rifiuti dei comuni della zona jonica da Gaggi a Scaletta, che coinvolge il futuro occupazionale di circa 40 lavoratori per la quale temiamo possano però esserci ulteriori ritardi per possibili problemi procedurali che manterrebbero ancora precaria la condizione complessiva del settore”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.