Venerdì 18 Ottobre 2019
Oltre 4 km per entrare nel Guinness dei primati. Ora andrà in beneficienza


A caccia del record: sulla spiaggia di S. Teresa la sciarpa più lunga d'Italia - FOTO

di Andrea Rifatto | 17/09/2018 | ATTUALITÀ

2288 Lettori unici

La sciarpa sulla spiaggia di S. Teresa

Settecento chili di lana, 32 rotoli e una spiaggia che non bastava più. Sì perché quella di S. Teresa di Riva non è stata sufficiente domenica per stendere quella che sarà molto probabilmente la sciarpa più lunga d’Italia (in attesa dell'ufficializzazione), realizzata da 60 donne che per quattro anni hanno sferruzzato, lavorato per realizzare un record da far entrare nel Guinness. Dieci di queste sono state premiate con un viaggio per essere state le "sferruzzatrici" che più hanno contribuito. Da piazza Antonio Stracuzzi fino a metà della spiaggia di Furci Siculo, attraversando il torrente Savoca, la lunga striscia colorata stesa al mattino tra bagnanti, barche e dune di sabbia sembrava non finire mai. A operazioni concluse l’architetto furcese Sandro Triolo, “certificatore” dell’associazione “E...Berta filava" di Roccalumera, ha emesso il verdetto: 4.001,65 metri, più di quanto ci si aspettava alla vigilia. Una sciarpa realizzata con il riciclo di capi d'abbigliamento, scucendo vecchi maglioni, babbucce, vestiti, mantelline e tutto ciò che arrivava allo Smistausato di “E... Berta filava” gestito da Teresa Brancato, che ha portato avanti l’iniziativa (con il patrocinio del Comune di S. Teresa) e che da 10 anni si spende per il sociale (da sei con lo Smistausato) aiutando i bisognosi occupandosi di raccogliere vestiario, libri, medicine, mobili e altro per essere donato a chi ne ha necessità. “Non credo nei miracoli, credo nella voglia di fare e nella capacità di ognuno di noi di superare dei limiti che ci vengono imposti – ha sempre detto Teresa - e credo fermamente che uniti si possano fare grandi cose, in modo semplice”. E sembra ce l’abbia proprio fatta. “Adesso manderemo le prove del record, ossia le foto della sciarpa e le riprese video realizzate dall’alto con un drone, alla Guinness World Records Limited e attenderemo il responso” – spiega l’organizzatrice. Il certificato ufficiale della Guinness World Records dovrebbe arrivare entro quattro-sei settimane. La manifestazione è stata dedicata a Cettina Villari di S. Teresa, scomparsa lo scorso anno, che ha contribuito alla creazione della sciarpa; ieri una targa ricordo è stata consegnata al marito. La sciarpa sarà donata all’associazione “Invisibili” di Messina, che gestisce il negozio solidale Benefit, affinché vada agli ultimi, ai senzatetto e a chi ha bisogno di calore. Nel frattempo Teresa Brancato pensa già al prossimo record, questa volta con i bottoni...



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.