Sabato 19 Ottobre 2019
Taormina, Giardini, Letojanni e Castelmola denunciano i disagi. Nota del Pd


A18, proteste degli utenti e preoccupazione dei sindaci: "Danni per il turismo"

di Andrea Rifatto | 06/02/2019 | ATTUALITÀ

509 Lettori unici

La deviazione di carreggiata a Giardini

Anche gli amministratori locali sono sempre più stanchi di subire disagi per le condizioni della Messina-Catania. Ieri pomeriggio i sindaci di Taormina (Mario Bolognari), Giardini (Nello Lo Turco), Letojanni (Alessandro Costa) e Castelmola (Orlando Russo) si sono incontrati a Palazzo dei Giurati discutendo della questione e stilando al termine un verbale in cui hanno espresso “la loro preoccupazione per l’ennesima chiusura dell’A18”. “Il permanere della pericolosità per i pendolari e l’approssimarsi della stagione turistica, in un quadro di incertezze sugli interventi da realizzare, possono penalizzare gravemente il territorio comprensoriale” – scrivono i quattro, che denunciano come “ad oggi i lavori non sembrano procedere come sperato”, lamentando “l’uso della Statale 114 come unica soluzione alternativa”. Al sindaco di Giardini è stato dato mandato di organizzare a breve un confronto con i vertici delle istituzioni responsabili. Di incontri, promesse e confronti sono stanchi gli automobilisti: “La situazione è insostenibile e intollerabile, se a breve non incominceranno a fare i lavori di manutenzione ordinaria (cioè tappare le buche seriamente), entro fine mese scenderemo in strada – commenta Stefano Costantino, amministratore del gruppo Facebook “A18 e A20 le autostrade siciliane della vergogna” con 11.500 iscritti, dove gli utenti raccontano le loro brutte esperienze su A18 e A20 – si sta mettendo a dura prova la nostra incommensurabile pazienza sicula. Domani (oggi, ndc) incontreremo il presidente della Regione”. “La situazione è insostenibile da tempo, si deve scendere in strada al più presto”, commentano altri utenti. “Ma una class-action, con richiesta di rimborso di tutti i pedaggi versati per un servizio offerto e non a norma?” suggerisce Pierpaolo Biondi, presidente di Federalberghi Riviera Jonica. Costantino ieri ha lanciato un sondaggio: “Sono passati due anni dalla creazione del gruppo e la situazione non è cambiata. Come andare avanti?”: oltre 250 hanno già suggerito di scendere in strada e manifestare bloccando tutto, 130 di portare avanti una class action, in minoranza chi propone di non utilizzare l’autostrada per un mese e altre ipotesi.

Sulla questione si è espresso anche Paolo Starvaggi, segretario provinciale del Pd: “Qualsiasi governo regionale degno di questo nome dovrebbe vergognarsi di un’autostrada, ed è già un titolo usurpato, come la A18. Invece da Palazzo D’Orleans solo silenzio. Speriamo almeno sia imbarazzato” – commenta dopo i rattoppi di ieri. “Il provvedimento arriva dopo settimane di incidenti, anche mortali, e di interruzioni perenni lungo l’arteria autostradale, uno scandalo indegno di un territorio che fino a prova contraria dovrebbe essere italiano ed europeo, e come tale garantire minimi standard di decenza. Nel giro di dieci giorni abbiamo assistito a tre morti, una carambola tra dieci auto e un mezzo pesante, scontri in tangenziale e da ultimo, provvedimento di rara gravità, della chiusura di un tratto di autostrada. Quanto ancora ci vorrà prima che si prendano provvedimenti seri, e non palliativi come quello di oggi?”, è la domanda che il Partito democratico di Messina pone. “Abbiamo sentito dire all’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, non più tardi di sabato scorso qui a Messina a discutere di ponte sullo Stretto, che gli interventi urgenti si scontrano con le lungaggini burocratiche. All’assessore – prosegue Starvaggi – per la sua quota parte temporale di responsabilità (parte della quale va ascritta anche al precedente governo che pure noi sostenevamo) chiediamo: cosa c’è di emergenziale nella frana di Letojanni, che sta lì da tre anni e mezzo? Cosa c’è di emergenziale in restringimenti di carreggiata ultraquinquennali, senza apparente ragione di esistere e senza che si sia mai vista l’ombra di un cantiere? Cosa c’è di emergenziale in una tratta che ha bisogno di una radicale ripavimentazione da almeno un decennio? Domande - continua - alle quali questo governo non riesce a dare risposta, nemmeno di facciata, nemmeno di circostanza. Non una sola voce, infatti, si è levata non solo per un doveroso mea culpa, ma anche soltanto per prendere posizione, mentre ogni giorno migliaia di pendolari rischiano letteralmente la vita per menefreghismo e incapacità della politica. Messina chiede soluzioni, non giustificazioni. Le pretende da anni, e le reclama adesso – conclude il segretario provinciale dei Democratici messinesi – non si indugi più con la vita delle persone”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.