Martedì 22 Ottobre 2019
La Protezione civile prevede forti temporali sulla Sicilia centrale e nord-orientale


Allerta meteo arancione, scuole chiuse nei comuni jonici

di Redazione | 02/05/2018 | ATTUALITÀ

5175 Lettori unici | Commenti 1

Il bollettino della Protezione civile

La Protezione civile regionale ha diramato l'avviso di rischio idrogeologico e idraulico per le prossime 24-36 ore con livello di allerta arancione e fare operativa di preallarme per il rischio meteo-idrogeologico e idraulico sui settori della Sicilia centrale e nord-orientale. I fenomeni previsti sono precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati moderati o puntualmente elevati. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento con rinforzi di burrasca in serata sui settori jonici. Da molto mosso ad agitato il Mar Jonio.

Alcuni sindaci hanno deciso di chiudere le scuole per precauzione nella giornata di giovedì 3 maggio, anche se non vi è l'obbligo in quanto la Protezione civile regionale ha già spiegato come non sussista un diretto rapporto tra l’emanazione dell’Avviso di protezione civile, con allerta anche rossa, e la conseguente sospensione della attività didattiche. Scuole chiuse finora a Taormina, Giardini, Letojanni, Sant'Alessio, Limina, Savoca, S. Teresa, Furci, Roccalumera, Nizza, Pagliara, Mandanici, Alì Terme, Alì e Scaletta. Le scuole saranno regolarmente aperte a Forza d'Agrò, Antillo, Itala e Fiumedinisi. A Taormina chiusi anche i cimiteri Centro e Trappitello, il Parco Giovanni Colonna Duca di Cesarò e il parcheggio di Mazzarò. I sindaci consigliano di non permanere nei piani scantinati e seminterrati delle abitazioni e di non transitare e sostare sulle strade limitrofe ai corsi d'acqua.


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 03/05/2018 alle 10:24:22

Ma finiamola di scaricarci delle responsabilità di fare le cose per bene: un territorio, se gestito bene, poteva sopportare benissimo quei pochi centimetri di piogia prevista! ... se poi la pioggia non arriva è la beffa! Tutti a casa per la pioggia ... no! Tutti a casa i gestori delle "emergenze" e chi ha fatto sì che un bicchiere d'acqua possa far paura. Il fatto è che non piove, che il grano non è cresciuto, che gli invasi sono vuoti: QUESTA è L'EMERGENZA ... non quella di chi si bagna il capello e poi deve andare dal parrucchiere !!!!!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.