Sabato 08 Agosto 2020
Somme per le spese del post emergenza. Si lavora per i danni del 25 novembre


Antillo, dalla Regione 100mila euro per l’alluvione del 2015

di Andrea Rifatto | 04/12/2016 | ATTUALITÀ

1934 Lettori unici

L'alluvione del 10 ottobre 2015

Mentre si lavora per riparare i danni causati dal maltempo del 25 novembre e si procede con la prima stima delle somme necessarie a ripristinare strade e argini dei torrenti spazzati via dalla furia dell’acqua, ad Antillo arriva una boccata d’ossigeno dalla Regione per i danni dell’alluvione del 10 ottobre 2015. Il Dipartimento delle Autonomie locali-Servizio 4 Trasferimenti regionali agli Enti locali ha infatti liquidato nei giorni scorsi, con decreto firmato dalla dirigente Maria Teresa Tornabene, un contributo di 100mila euro per coprire i costi sostenuti dall’Amministrazione del sindaco Davide Paratore per far fronte al post emergenza di un anno fa nella cittadina della Val d’Agrò, colpita da una devastante alluvione. Antillò si risvegliò infatti travolta da due torrenti esondati a monte del paese e con un grosso movimento franoso che colpì la frazione Canigliari, rimasta isolata. La chiesa della Sacra famiglia venne devastata e in parte demolita dall'ondata di acqua e fango ma fortunatamente non registrarono feriti o vittime. Situazioni che si sono ripetute a distanza di 14 mesi, seppur con minore gravità. Una settimana fa l’esondazione del torrente Antillo e di altri piccoli affluenti ha seriamente danneggiato e in qualche caso reso impraticabili le strade Antillo-Pinazzo-Acquafredda, Pizzo Monaco-Giardino di Redenzione, Pilato Antillo-Fondachelli e la strada per il Giardino di Redenzione. Il sindaco si è subito attivato con i volontari del gruppo di Protezione civile “Giubbe Rosse”, che hanno recuperato anche tre pastori rimasti bloccati sulle montagne, per sgomberare i detriti e cercare di far tornare alla normalità il paese.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.