Domenica 18 Agosto 2019
Per il gruppo dell'on. Currenti c'è il rischio di contenziosi


Dipendenti Cas, "Articolo 4" chiede revoca del contratto regionale

10/09/2014 | ATTUALITÀ

1209 Lettori unici

Il gruppo parlamentare “Articolo 4” chiederà alla Giunta regionale la revoca del provvedimento adottato lo scorso 11 agosto e relativo all’applicazione del contratto di lavoro della Regione Siciliana ai dipendenti del Consorzio per le autostrade siciliane. “Attraverso un'azione politica coordinata – ha annunciato l'on. Pippo Currenti, coordinatore per la Provincia di Messina di “Articolo 4” - chiederemo l'immediata revoca del provvedimento. Tale situazione è inverosimile e il Governo regionale deve pensare ai tanti impiegati che lavorano nel Cas. Si deve cercare di evitare che un provvedimento come questo possa far generare tanti contenziosi. Ritengo che sarebbe utile un contratto maggiormente rispondente alle esigenze dei lavoratori”. Per l'on. Currenti, invece, in questo momento occorre soprattutto pensare allo stato in cui si trovano le autostrade siciliane. “Il governo regionale – ha aggiunto - dovrebbe, viste anche le tante proteste di quanti le utilizzano,dedicarsi a riorganizzazione la manutenzione delle tratte. Per esempio,quelle del Messinese, sono dei percorsi ad ostacoli che vanno attenzionati con interventi straordinari. Sentiamo giornalmente le rimostranze degli automobilisti che sono costretti a percorrere strade dove la sicurezza lascia a desiderare. Auspico un punto di incontro con il Governo altrimenti saremo costretti ad effettuare duri interventi contro quanto deciso".
Nei giorni scorsi, anche il presidente dei Democratici riformisti, l'on. Beppe Picciolo, aveva chiesto la revoca del provvedimento della Giunta regionale per evitare un “contenzioso sicuro, che metterà il Consorzio per le autostrade siciliane in gravissime difficoltà economiche e d’immagine”.

Più informazioni: cas  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.