Venerdì 26 Aprile 2019
Preventivo monstre per l'allaccio recapitato ad un utente di Sant'Alessio


"Avere il metano a casa? Mi costerebbe 7mila euro": la denuncia di un cittadino

di Andrea Rifatto | 11/04/2019 | ATTUALITÀ

1979 Lettori unici

Cassette per la posa dei contatori del gas

“Avere il metano in casa? Mi costerebbe 7mila euro”. È quanto ha scoperto un cittadino di Sant’Alessio Siculo, il dottor Vincenzo Picciolo, responsabile del servizio Sues-118 dell’Asp di Messina, quando ha provato ad avere informazioni su come allacciare la propria abitazione alla rete metanifera, completata nei mesi scorsi in 12 comuni jonici e inaugurata a Fiumedinisi il 26 gennaio. Un’opera che ha visto un investimento complessivo di 120 milioni di euro, di cui 54 milioni provenienti dalla Regione dai fondi del Po-Fesr Sicilia 2007/2013, Linea d’intervento 2.1.3.1 - Obiettivo Operativo 2.1.3, ottenuti dai comuni nel 2014 rispetto ai 74,7 richiesti. L’utente si è rivolto alla Fin Consorzio, società che ha realizzato i lavori in cambio della concessione ventennale del servizio di distribuzione del gas e di un indennizzo di 65 milioni al termine, per chiedere informazioni sull’allacciamento, vedendosi recapitato un preventivo da ben 7mila 027 euro. La condotta del gas, infatti, non è stata posata dinanzi alla sua abitazione di via Salice con la tubazione pronta per essere collegata con il contatore, ma è stata interrata dal lato opposto della strada. Dunque per poter servire la sua utenza, Fin Consorzio ha calcolato una spesa di poco più di 7mila euro per scavo e ripristino della sede stradale e posa del tubo, per una lunghezza di 30 metri, in quanto rientrano tra gli adempimenti previsti nel contratto di servizio il costo della diramazione stradale fino a 8 metri, l’allacciamento dell’utenza fino a 6 metri e l’installazione del contatore.

“È paradossale come un’opera realizzata per ridurre il gap energetico con il resto del Paese non copra tutte le zone – evidenzia Picciolo – negli anni scorsi da consigliere comunale mi sono impegnato riuscendo a far estendere la rete metanifera alle frazioni di Sant’Alessio e adesso non capisco in base a quale principio il progetto abbia previsto di posizionare la condotta sul lato di una strada piuttosto che sull’altro”. Dunque, stando ai criteri e alle regole dell’impresa, si prospettano diversi casi analoghi a quello capitato al dottor Picciolo nei 12 comuni interessati dal servizio, dove da due mesi sono iniziati gli allacci.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.