Mercoledì 20 Febbraio 2019
Illustrati i prossimi scenari e le criticità del mondo dei donatori di sangue


Avis S. Teresa, storia e futuro di un’associazione in continua crescita

20/01/2019 | ATTUALITÀ

347 Lettori unici

Albano, Trimarchi, Mandarà e Crisafulli

Il Palazzo della Cultura di S. Teresa di Riva ha ospitato la prima delle attività che l’Avis santateresina ha in programma per il 2019. Con la collaborazione dell’Unitre, nella persona del suo presidente Santi Albano, in veste di moderatore dell’incontro, e dell’Amministrazione comunale rappresentata dal vicesindaco Gianmarco Lombardo e dall’assessore Domenico Trimarchi, il dottor Antonino Cucuzzella ha curato ed esposto al pubblico una dettagliata relazione avente per tema la storia, i progetti in attuazione e le future prerogative dell’Avis, a livello nazionale che territoriale. Il medico, specialista in Ematologia, ha poi focalizzato l’attenzione dei presenti sulle procedure medico-cliniche che precedono e seguono la donazione del sangue, evidenziando come una delle maggiori criticità sia oggi rappresenta dall’ipertensione in molti soggetti donatori. Dopo l’introduzione del presidente dell’Avis comunale Maurizio Crisafulli, ha portato i suoi saluti il presidente Avis regionale Salvatore Mandarà. Entrambi, nei loro interventi, hanno auspicato un maggiore ed efficace coinvolgimento dei giovani nell’attività associativa e nella promozione dei valori del volontariato e della donazione del sangue, soprattutto nella provincia di Messina, ancora “fanalino di coda” del sistema sangue in Sicilia. La serata si è conclusa con l’estrazione dell’annuale lotteria di beneficenza il cui ricavato sarà impiegato per le spese in previsione dell’ormai prossimo accreditamento dell’autoemoteca e per l’acquisto delle attrezzature necessarie per il trasporto delle sacche di sangue.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.