Martedì 23 Luglio 2019
Decisione della Regione in seguito alla mancata approvazione al 30 settembre


Bilanci 2014, commissariati 52 Comuni tra Messina e provincia

di Andrea Rifatto | 03/12/2014 | ATTUALITÀ

2158 Lettori unici | Commenti 1

L'assessore regionale Marcella Castronovo

Sono 52 i comuni del Libero consorzio di Messina, compreso il capoluogo, dove arriverà un commissario ad acta per l'approvazione del bilancio di previsione 2014. Gli enti in questione sono infatti risultati inadempienti al 30 settembre, data ultima prevista per deliberare l’adozione dello strumento contabile e inviare gli estremi all’assessorato regionale delle Autonomie locali e della Funzione pubblica. Vista la necessità di attuare gli interventi sostitutivi con la nomina di commissari ad acta che curino gli adempimenti omessi dagli enti locali, l’assessore regionale Marcella Castronovo ha firmato ieri un decreto che dà incarico ai funzionari della Regione affinché svolgano le necessarie funzioni di impulso e di sollecitazione per l’approvazione del bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2014 presso i Comuni loro assegnati, sostituendosi, se necessario, per l’esercizio dei relativi poteri, agli organi inadempienti per l’approvazione dei bilanci medesimi.
L’azione sostitutiva prenderà il via tramite interlocuzione scritta con gli uffici comunali per verificare se sia stato o meno predisposto lo schema di bilancio e gli atti propedeutici. Qualora ciò non fosse ancora stato fatto dai Comuni, i commissari accerteranno i motivi che non hanno consentito tale adempimento, invitando gli uffici a provvedere. Una volta che la proposta verrà esitata dagli uffici finanziari, provvederanno a diffidare i sindaci, dove sarà necessario, a convocare la Giunta per gli adempimenti di competenza: in mancanza i funzionari si sostituiranno per l’approvazione o l’adozione degli atti di loro pertinenza. Gli stessi provvederanno poi a convocare i Consigli comunali e ad assegnare un termine massimo di 30 giorni entro la quale deliberare sullo strumento contabile. Trascorso tale termine, l’azione sostitutiva si concretizzerà con l’avvio delle procedure relativa all’applicazione delle sanzioni della sospensione del Consiglio comunale e del successivo scioglimento; il bilancio di previsione 2014 verrà poi approvato dai commissari.  
I Comuni commissariati potranno presentare ricorso contro il decreto firmato dall’assessore regionale al Tar (entro 30 giorni) o al presidente della Regione Siciliana (entro 120). Va detto che diversi Comuni tra quelli coinvolti hanno già esitato favorevolemente il bilancio di previsione 2014, anche se dopo il termine del 30 settembre, viste le sempre crescenti difficoltà a redigere gli strumenti economico-finanziari.

Elenco Comuni commissariati in provincia di Messina

I comuni commissariati nella riviera jonica e i nomi dei funzionari
 

- Alì: dott. Francesco Riela

- Alì Terme: dott. Sergio Azzarello

- Casalvecchio Siculo: dott. Carmelo Messina

- Castelmola: dott. Giuseppe Petralia

- Fiumedinisi: dott. Sergio Azzarello

- Furci Siculo: dott. Vincenzo Raitano

- Itala: dott. Vincenzo Raitano

- Letojanni: dott. Angelo Sajeva

- Limina: dott. Carmelo Messina

- Mongiuffi Melia: dott.ssa Daniela Leonelli

- Pagliara: dott. Angelo Sajeva

- Taormina: dott. Giuseppe Petralia

Viale della Regione Siciliana n.  2194 - 90135 Palermo

Più informazioni: commissari bilanci 2014  


COMMENTI

Vincenzo E. minnici | il 03/12/2014 alle 16:06:51

VEGOGNA. !!!!!...

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.