Venerdì 06 Dicembre 2019
Azioni per invitare i cittadini a limitarne l'uso. Tra i primi a rispondere Letojanni


Botti di Capodanno, il prefetto chiede ai sindaci controlli e sensibilizzazione

27/12/2018 | ATTUALITÀ

406 Lettori unici

Il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, ha diramato al sindaco metropolitano e a tutti i primi cittadini della provincia una circolare in cui si richiama l’attenzione sulla problematica dell‘intensificazione dell’accensione di prodotti pirotecnici da parte dei cittadini in occasione delle festività natalizie. L’iniziativa risponde ad una specifica direttiva del Ministero dell’Interno inviata a tutti i prefetti e intesa a porre in essere ogni utile iniziativa di sensibilizzazione della cittadinanza finalizzata a rendere “più sicure“ le festività di fine anno. Tale usanza, soggetta ad un sistema di regole estremamente rigoroso, sia in relazione alla commercializzazione dei prodotti che al loro impiego, raggiunge il suo apice proprio in occasione del capodanno. Le evidenze statistiche, anche del recente passato, rilevano un numero altissimo di incidenti, con conseguenze spesso anche gravi per l’incolumità delle persone, causati da un utilizzo non appropriato degli artifici pirotecnici, in particolare senza l’osservanza delle necessarie cautele e delle precauzioni indicate sulle confezioni dei prodotti o suggerite dagli stessi commercianti. L’utilizzo di articoli esplodenti ad alta rumorosità determina, inoltre, disturbo, se non turbamento, alla quiete e alla tranquillità dei cittadini, causando alterazioni importanti anche nel comportamento degli animali, con possibili riflessi sul loro stato di salute.  

Il prefetto ha, pertanto, invitato i sindaci a svolgere a livello locale, con i mezzi di comunicazione ritenuti più efficaci, un’attenta opera di sensibilizzazione della cittadinanza per un uso consapevole degli articoli pirotecnici. In particolare è stata richiamata l’attenzione sull’opportunità di invitare i cittadini a non utilizzare o a limitare al massimo l’uso dei “botti“, privilegiando l’impiego di prodotti meno invasivi e pericolosi, quali quelli che valorizzano i giochi di luce. Il prefetto ha, inoltre, evidenziato la necessità che, sotto il profilo della tutela della pubblica sicurezza, sia compiuto uno sforzo da parte dei Corpi di Polizia municipale affinchè si eviti di utilizzare i “botti“ nei luoghi di aggregazione o comunque in tutti quelli affollati, nelle aree a rischio di propagazione degli incendi, nei pressi degli ospedali, scuole, luoghi di culto o comunque nelle vicinanze di monumenti, edifici o aree a valenza storica, archeologica architettonica, naturalistica o ambientale. Massima attenzione dovrà, infine, essere rivolta alla presenza di bambini o di altri soggetti deboli, che dovranno essere tenuti sempre a debita distanza da chi fa uso di fuochi e in condizioni di sicurezza. Il Comune di Letojanni ha già lanciato la campagna di sensibilizzazione "Botti? No grazie, io il Capodanno lo festeggio non me lo rovino", contro l'utilizzo di botti e petardi pericolosi e illegali.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.