Domenica 25 Agosto 2019
Approvata la convenzione per la gestione: in arrivo mezzo milione di euro


Centro minori nell'ex caserma della Finanza, ok dai Consigli di S. Teresa e S. Alessio

di Andrea Rifatto | 26/04/2019 | ATTUALITÀ

492 Lettori unici

L'ex caserma di via Vittorio Emanuele Orlando

Viaggia spedita verso l’ottenimento del finanziamento da 500mila euro per l’ex caserma della Guardia di Finanza l’Amministrazione comunale di S. Teresa di Riva. Grazie ai fondi assegnati dalla Regione, a seguito della partecipazione ad un bando del Po Fesr Sicilia 2014-2020-Azione 9.3.1, nella struttura di via Vittorio Emanuele Orlando sorgerà il centro educativo e di aggregazione per minori “Imparare per crescere”, a disposizione degli utenti di S. Teresa ma anche di Sant’Alessio. I due Consigli comunali hanno approvato all’unanimità la convenzione per la gestione associata del centro, così come chiesto nelle settimane scorse dall’Assessorato regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, che verrà adesso trasmessa a Palermo in modo da poter consentire l’erogazione del finanziamento da mezzo milione di euro (il massimo ottenibile), cifra alla quale si aggiunge un cofinanziamento da 5mila euro da parte del Comune di S. Teresa. La convenzione di condivisione del progetto educativo-pedagogico siglata dalle due amministrazioni, così come il piano di gestione, ha la durata di cinque anni e vede S. Teresa capofila e coordinatore di tutte le attività previste nel centro. “Sorgerà una struttura che offrirà una bella opportunità per il nostro paese – ha detto il sindaco di S. Teresa Danilo Lo Giudice – destinata a servizi aggregativi per l’infanzia rivolti a minori da 4 a 18 anni e che ci consentirà di poter svolgere servizi extra scolastici oltre che attività di laboratorio, coinvolgendo anche la popolazione anziana che potrà mettere a disposizione l’esperienza al fine di promuovere e valorizzare le antiche tradizioni e mestieri del nostro territorio”. L’ex caserma “Maresciallo Vincenzo Crimaldi” delle Fiamme gialle avrà così una nuova funzione, dopo essere stata chiusa nel 2009 e poi acquistata dal Comune dal Demanio, a fine 2015, al prezzo di 407mila euro.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.