Lunedì 16 Dicembre 2019
Il Comune ha concluso l'iter con i controlli sulle imposte. Tre rimangono fuori


Cinque nuove attività a S. Teresa: assegnate definitivamente le aree per i chioschi

di Andrea Rifatto | 13/11/2019 | ATTUALITÀ

857 Lettori unici

Piazza V Reggimento Aosta ospiterà un chiosco

Sono cinque i chioschi che sorgeranno a S. Teresa di Riva su aree comunali assegnate in concessione. L’Ufficio tecnico comunale ha approvato la graduatoria finale in seguito al completamento dell’iter e ha preso atto delle risultanze dei controlli in materia di imposte e tasse nei confronti dei soggetti aggiudicatari, che potranno così avviare nuove piccole attività imprenditoriali tra le piazze del centro e della frazione Misserio in base al regolamento approvato nel 2018 dal Consiglio comunale. Alla scadenza del termine erano giunte in municipio 13 domande, quattro escluse e tre ammesse con riserva, mentre un partecipante si è ritirato successivamente e dunque gli interessati erano rimasti otto. Gli aggiudicatari sono Chiara Vinci, 53 punti, per un chiosco in piazza Marina Militare Italiana con canone annuo 1.950 euro; Antonio Restuccia, (42) piazza Madonna del Carmelo, 1.950 euro; Giuseppe Micalizzi, (52) piazza San Vito Misserio, 1.040 euro; Cosimo Miano, (53) Polo Val d’Agrò, 1.950 euro; Chiara Cicciò, (53) piazza V Reggimento Aosta, 1.950 euro. Nel caso di Misserio l’assegnatario è deceduto e il Comune potrà rilasciare la concessione al coniuge o ai figli se in possesso dei requisiti. Rimangono fuori Eleonora Carnabuci e Simona Rita Nicotina, entrambe con 52 punti, per il Polo Val d’Agrò e Filippa Martines (42,2) per piazza V Reggimento Aosta. I chioschi potranno essere destinati a somministrazione alimenti e bevande, vendita di fiori, prodotti alimentari, frutta e verdura, rivendita di libri e giornali e oggettistica in genere: dovranno essere in legno e potranno avere una superficie massima di 20 metri quadri, con altezza non superiore ai 4 metri. Le strutture che prevedono la somministrazione possono richiedere l’occupazione temporanea per un massimo di 150 giorni di un’area pubblica, versando al Comune la Tosap. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.