Domenica 18 Agosto 2019
Il Gruppo punta sulle navi veloci Bluferries. 'Nessun posto di lavoro a rischio'


"Collegamenti nello Stretto di Messina garantiti": la replica di Ferrovie dello Stato

di Redazione | 03/02/2015 | ATTUALITÀ

1565 Lettori unici

Un aliscafo della Bluferries

Alla notizia che dal mese di giugno Ferrovie dello Stato garantirà nello Stretto di Messina una sola nave per il trasporto dei treni passeggeri tra la Sicilia e la Calabria, costringendo così gli utenti a dover lasciare le carrozze degli Intercity per trasbordare a piedi, è arrivata la replica del Gruppo.
“Fs non abbandonano lo Stretto di Messina, anzi investono e potenziano – si legge in una nota diramata nel pomeriggio –. Nessun posto di lavoro è a rischio fra il personale impegnato nelle attività di navigazione: i 62 dipendenti saranno ricollocati in Rete Ferroviaria Italiana nelle attività di terra e di bordo. Le attività di traghettamento di carrozze e carri merci di Rfi proseguiranno regolarmente, con un’organizzazione più funzionale, moderna e aderente alle esigenze. Il progetto, elaborato d’intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, prevede già da gennaio 2015, a carico del Gruppo Fs e senza alcun onere aggiuntivo per lo Stato, un servizio di traghettamento veloce fra Messina e Villa San Giovanni, nelle ore diurne anche nei giorni di sabato, domenica e festivi, con le navi veloci della controllata Bluferries. Per garantire un servizio efficiente e aderente alle esigenze di mobilità nello Stretto di Messina – prosegue il Gruppo – in caso di avverse condizioni meteomarine il traghettamento sarà effettuato da una nave bidirezionale di Bluferries, anche in questo caso senza nessun aggravio di costo per le casse dello Stato. Con i mezzi veloci, che garantiscono una maggiore frequenza e standard qualitativi più elevati, è pienamente soddisfatta la mobilità nell’ambito dello Stretto di Messina che viene attraversato in circa 20 minuti. In questo modo i collegamenti per la Sicilia sono ridotti di circa un’ora. Nelle ore notturne i treni continueranno ad essere traghettati a bordo delle navi ferroviarie di Rfi. Infine – conclude la nota – il Gruppo Ferrovie dello Stato ha allo studio un piano di interventi infrastrutturali per garantire un supporto alla mobilità dei passeggeri e per offrire un servizio sempre più aderente alle esigenze dei pendolari e di tutta la clientela”.

Più informazioni: collegamenti stretto di messina  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.