Giovedì 23 Maggio 2019
Accordo tra Comuni e privato. Il percorso attraversa Forza d’Agrò, Sant’Alessio e Savoca


Da Letojanni a Casalvecchio, un autobus panoramico per rilanciare il turismo

di Andrea Rifatto | 06/03/2016 | ATTUALITÀ

3563 Lettori unici | Commenti 1

Uno dei bus che saranno utilizzati per il servizio

Da Letojanni a Casalvecchio Siculo passando per Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo e Savoca, ammirando beni architettonici, scorci caratteristici e godendo di panorami mozzafiato. Tutto ciò restando comodamente seduti a bordo di un bus scoperto, che effettuerà delle fermate in corrispondenza di siti particolarmente interessanti dal punto di vista turistico, dove i passeggeri avranno la possibilità di scendere per una breve sosta. L’iniziativa è stata avviata dal Consorzio di promozione turistica Val d’Agrò in collaborazione con i Comuni di Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio, Savoca e Casalvecchio, che hanno manifestato la volontà di valorizzare le proprie attrattive turistiche e in particolare i luoghi più significativi che si trovano lungo il percorso stradale che collega i rispettivi territori comunali, facendo sì che il servizio possa estendersi anche al di fuori del comprensorio taorminese, dove è già attivo da tempo. Approfittando di un decreto emanato nel giugno dello scorso anno dall’assessorato regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti, che in attesa della definizione della normativa organica del settore del trasporto pubblico locale, ha previsto la possibilità di autorizzare servizi di linea con finalità turistiche mediante l’utilizzo di autobus scoperti che colleghino due o più comuni contigui, le Amministrazioni comunali di Letojanni, Casalvecchio Siculo, Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo e Savoca hanno deciso di stipulare una convenzione che regoli le modalità di esecuzione del servizio, che sarà espletato da operatori privati.

Il servizio, denominato City By See, sarà gestito da una società che organizza tour con autobus scoperti nelle maggiori città siciliane, con sedi a Catania e Taormina, che ha organizzato un giro turistico con partenza da Letojanni e arrivo a Casalvecchio, attraversando gli altri tre comuni durante il tragitto di andata e ritorno, prima di fare rientro nella cittadina letojannese. Dal terminal bus di Letojanni il mezzo scoperto partirà imboccando la Statale 114, facendo la prima fermata alle fornaci di calce nel territorio di Forza d'Agrò: proseguirà poi verso Sant'Alessio, dove i turisti potranno scendere a visitare lo storico quartiere di mezzo e Villa Genovesi; tappa successiva a Casalvecchio Siculo, con fermata in piazza Dei Caduti. Al ritorno i passeggeri sosteranno in piazza Fossia a Savoca, poi nuovamente nel quartiere di mezzo e a Villa Genovesi nella cittadina del Capo, da dove il bus raggiungerà Forza d'Agrò con sosta in piazza Largo Piano prima di fare ritorno a Letojanni, dove a chiusura del tour sono previste tre fermate: Hotel Antares, incrocio tra le vie S.M. Goretti e M. Garufi e terminal bus. Rimane fuori dal giro S. Teresa di Riva, nonostante il bus attraversi le strade della cittadina rivierasca per spostarsi lungo i centri inseriti nella proposta.

Il tour a bordo del bus turistico durerà complessivamente 90 minuti, con partenza ogni 120 minuti da Letojanni alle ore 9.30, 11.30, 13.30 e 15.30. Il servizio verrà attivato dal 1 aprile al 31 ottobre, specialmente in concomitanza di manifestazioni turistiche o particolari festività. I Comuni non dovranno sostenere alcun costo in quanto le spese saranno coperte con i biglietti pagati dagli utenti, in base a tariffe che dovranno essere di importo pari a quelle individuate dall'assessorato regionale per i servizi pubblici di linea, aumentate del 100%. Lo schema di convenzione per avviare il servizio di linea con finalità turistiche mediante l’utilizzo di un autobus scoperto è in queste settimane al vaglio dei Consigli comunali dei cinque comuni coinvolti: in alcuni casi è già stato approvato, alcuni comuni lo faranno a breve e altri nelle prossime settimane: una volta siglato da tutte le assemblee cittadine spetterà ai sindaci sottoscrivere la convenzione con la società privata che organizza il tour, che si occuperà di tutta la fase organizzativa. Il primo giro di prova, con a bordo albergatori ed operatori turistici, è già stato effettuato mercoledì scorso.

Più informazioni: bus scoperto  


COMMENTI

g p | il 07/03/2016 alle 11:33:27

Migliaia di turisti non visitano questa STUPENDA zona perché non sanno come arrivarci, un servizio navetta necessario. Escludo categoricamente la visita turistica a Santa Teresa di Riva, non ha nulla di turistico, non offre niente. Migliaia di turisti che ho portato a Savoca e Forza d'Agrò vedendo Santa Teresa si sono meravigliati della sporcizia delle strade (nonostante il Comune provvede tutti i giorni a spazzare, ma la gente è sporca), dei puzzolenti cassonetti, della sporca spiaggia, delle fogne a mare, (Ciumaredda, Sparagonà, Borgo marino, piazza mercato), della continua maleducazione degli automobilisti a suonare il clacson e non dare la precedenza sulle strisce pedonali, un paese vergognosamente sempre equiparato ad un paese africano.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.