Mercoledì 16 Ottobre 2019
Sinergia tra Comune e associazioni. Si punta all'inclusione sociale nella comunità


Dare risposte ai disabili: a S. Teresa apre uno sportello di ascolto per il comprensorio

di Andrea Rifatto | 22/02/2017 | ATTUALITÀ

1422 Lettori unici

Danilo Rizzo, Carmelo Caporlingua e Annalisa Miano

Creare un “ponte” tra le famiglie e le istituzioni, per dare quelle risposte che spesso mancano e che sono di fondamentale importanza per chi vive tra mille difficoltà. Sarà questo il compito dello sportello di ascolto e sostegno alle famiglie con soggetti disabili che verrà attivato nei locali dell’ex municipio di S. Teresa di Riva per divenire un punto di riferimento per l’intero comprensorio jonico. L’iniziativa è stata presentata dall’assessore ai Servizi sociali, Annalisa Miano, insieme a Carmelo Caporlingua, presidente dell’associazione temporanea tra onlus “Autismo” di Nizza di Sicilia, che ha proposto il progetto, e Danilo Rizzo, progettista dello sportello. “Spesso i disabili e i loro familiari si rivolgono al Comune perché è l’istituzione più vicina a cui chiedere risposte – ha sottolineato l’assessore – e vogliamo poterle dare offrendo maggiori servizi per i cittadini e migliori garanzie, senza alcun costo in quanto i professionisti opereranno a titolo gratuito”. Lo sportello partirà in fase sperimentale fino a settembre e sarà aperto il martedì e giovedì dalle ore 16 alle 17.30 con la presenza di varie figure (assistente sociale, neuropsichiatria infantile, psicologo) ma sarà possibile interagire anche attraverso uno sportello online all’indirizzo www.sportellodisabilita.it o cliccando il banner presente sul sito istituzionale del Comune.

“Abbiamo ascoltato il grido d’aiuto delle famiglie che spesso non riescono neanche ad avere le informazioni minime necessarie e per questo vogliamo fornire un servizio di prossimità – ha detto Caporlingua. L’iniziativa punta a migliorare il welfare del territorio e allo stesso attivare il protagonismo attivo della comunità”. Il progettista Rizzo ha evidenziato come anche i cittadini potranno contribuire alle attività dello sportello di ascolto e sostegno grazie alla campagna “Anche io sono social, insieme per sentirsi meno soli… la comunità fa la differenza.. diventa protagonista”: privati e aziende potranno infatti aiutare le attività dello sportello favorendo l’inclusione dei disabili attivando reti di volontariato, che saranno veicolate in base ai bisogni, o nell’ambito delle loro attività. Per aderire è necessario recarsi allo sportello nei giorni di apertura compilando l’apposita modulistica o accedendo al sito online cliccando nella sessione “Anche io sono social”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.