Martedì 23 Aprile 2019
Solenne rito celebrato dall'arcivescovo nel santuario della patrona di S. Teresa


Dedicazione della chiesa Madonna del Carmelo, il Signore abbraccia la comunità - FOTO

di Andrea Rifatto | 21/01/2018 | ATTUALITÀ

1267 Lettori unici

La solenne cerimonia di Dedicazione

Passata quasi in secondo piano dopo l'annuncio del trasferimento del parroco, oggi per il santuario Madonna del Carmelo di S. Teresa di Riva è stata una giornata importante. Dopo 84 anni dall'apertura al culto della chiesa dove viene venerata la Patrona cittadina, si è tenuto il solenne rito della Dedicazione del luogo sacro e della Consacrazione dell’altare, suggestivo momento liturgico che consacra la chiesa non come semplice luogo per la preghiera ma come immagine della Chiesa che è corpo di Cristo della comunità che lì si riunisce per pregare, della Chiesa terrena e di quella che è in cielo. Per questo il cuore dell’edificio di culto cristiano è sempre l’altare, immagine di Cristo, luogo in cui si rinnova il sacrificio della croce e mensa del banchetto del corpo e sangue del Signore. Il rito è stato celebrato durante la santa messa mattutina dall’arcivescovo Giovanni Accolla, giunto a S. Teresa accompagnato dal segretario Santino Ammendolia, e dal parroco Fabrizio Subba. Presente anche il parroco di Antillo, don Egidio Mastroeni. L’edificio da dedicare è stato consegnato dalla comunità parrocchiale sulla porta all’arcivescovo, che ha fatto ingresso in processione. Poi durante la celebrazione monsignor Accolla ha proceduto con l’unzione dell’altare con il sacro crisma, a ricordare che, come Cristo, anche i cristiani sono un popolo consacrato a Dio; l’incensazione dell’altare, del popolo e delle pareti, perché la chiesa è luogo della preghiera che sale al Padre come l’incenso profumato e perché l’assemblea liturgica è il tempio santo di Dio e quindi è avvolta dalla nuvola d’incenso in segno di onore; a seguire la benedizione delle dodici croci, illuminate dalle candele, posizionate sulle pareti della chiesa sotto le stazioni della Via Crucis; infine l’illuminazione a festa dell’altare e della chiesa, perché Cristo è la luce che risplende sul suo popolo e sul mondo intero. Le croci per la Consacrazione della chiesa sono state donate dai familiari di Amelia Casablanca, in memoria della terziaria carmelitana scomparsa lo scorso settembre. A ricordo di ciò è stata posizionata all’ingresso del santuario una epigrafe marmorea sotto quella di Dedicazione della chiesa. L’atto di Dedicazione è stato firmato dall’arcivescovo Accolla, dal parroco Subba e da due fedeli, Carmelina Nicita e Giovanni Palella. Alla cerimonia erano presenti, oltre le autorità religiose, il sindaco Danilo Lo Giudice, con assessori e consiglieri comunali; il comandante della Polizia municipale, capitano Diego Mangiò, e il vicecomandante della Stazione dei Carabinieri, maresciallo maggiore Giuseppe Lombardo. 



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.