Mercoledì 18 Settembre 2019
Proteste dal Centro istruzione adulti che ha sede nell'ex Comune. La replica del sindaco


"Disagi e pochi spazi al Cpia di S. Teresa". Docente ferita da una finestra

di Andrea Rifatto | 14/09/2017 | ATTUALITÀ

1535 Lettori unici

I locali adibiti a segreteria nell'ex municipio

Pochi spazi a disposizione, strutture carenti e nessun ascolto da parte del Comune. Sono le lamentele che giungono dal Centro provinciale istruzione agli adulti (Cpia) di S. Teresa di Riva, struttura alle dipendenze del Ministero dell'Istruzione, che dal 2015 ha sede nell’ex palazzo comunale in piazza Municipio, dopo essersi spostato dalla scuola media “Lionello Petri” dove svolgeva le attività con la vecchia denominazione di Cpt, Centro territoriale permanente, che dipendeva dall’Istituto comprensivo. “Abbiamo solo una piccola stanza nell’ex municipio adibita a segreteria mentre per le lezioni dobbiamo usare le aule al piano terra del Comune assegnate al Liceo scientifico – spiega Nino Altadonna, uno dei sei docenti che operano al Cpia santateresino insieme a due collaboratori scolastici – e non ci viene consentito di utilizzare le attrezzature dello Scientifico mentre le nostre, come le lavagne multimediali, giacciono accatastate alla scuola media. Avevamo chiesto di avere a disposizione tutto il piano terra del vecchio municipio in modo da poter allestire lì le aule e fare lezioni in maniera più dignitosa e l’allora vicesindaco Danilo Lo Giudice aveva dato rassicurazioni ma per il terzo anno di fila ci vediamo invece costretti ad affrontare con disagi corsi, frequentati da una ventina di studenti tra cui diversi stranieri seguiti dall'Help Center, tra linea internet che funziona a intermittenza e locali poco consoni, nonostante via sia libera l’ex aula consiliare. Una docente, tra l’altro – aggiunge Altadonna – è rimasta ferita nell’Ufficio segreteria mentre apriva una finestra, che le è crollata addosso costringendola a rivolgersi alle cure dei sanitari, che le hanno prescritto tre giorni di prognosi”.

Il sindaco Danilo Lo Giudice ha replicato che non vi sono al momento altri locali disponibili in quanto al piano terra dell’ex municipio hanno sede gli uffici della Condotta Agraria e della Città metropolitana e che bisogna attendere il completamento dei lavori alla Media per poter avere altri spazi. Il primo cittadino ha inoltre specificato che il Cpia di S. Teresa si è rifiutato di firmare la convenzione per l’utilizzo dei locali del Comune adibiti a Liceo scientifico. Locali che il Centro provinciale istruzione adulti non ritiene adeguati per poter svolgere le lezioni e per tale motivo non sembra intenzionato a firmare alcun documento. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.