Domenica 21 Luglio 2019
Onorificenze alla Festa della Polizia per i due agenti coinvolti nell'incidente A18


Esempio per la patria: medaglia d’oro e promozione per Spadaro e Muscolino - VIDEO

di Redazione | 10/04/2019 | ATTUALITÀ

1025 Lettori unici

Il presidente Fico consegna le onorificenze

Medaglia d’oro e promozione per Angelo Spadaro e Giuseppe Muscolino, i due vice sovrintendenti della Polizia stradale rimasti coinvolti (il primo ha perso la vita, il secondo è rimasto gravemente ferito) nell’incidente stradale sull’A18 Messina-Catania il 15 gennaio scorso. Le onorificenze sono state consegnate questa mattina a Roma nel corso della festa per il 167esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato. La cerimonia ufficiale si è tenuta alla Terrazza del Pincio, alla presenza del presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, del capo della Polizia, Franco Gabrielli e delle più alte cariche dello Stato. Il ministro ha ricordato quanti sono caduti nell'adempimento del proprio dovere e ha espresso apprezzamento per il lavoro quotidianamente svolto dalla Polizia di Stato. Al termine sono state consegnate onorificenze e diplomi a personale che si è particolarmente distinto. Ad Angelo Gabriele Spadaro, poliziotto di S. Teresa di Riva, è stata conferita la medaglia d’oro al merito civile e la promozione per merito straordinario alla memoria, a Giuseppe Muscolino, collega di Furci Siculo, la medaglia d’oro al merito civile e la promozione per merito straordinario. Per Spadaro ha ritirato la medaglia e il diploma il fratello Giannantonio, ispettore capo della Polizia di Stato; Muscolino è stato accompagnato dal figlio Emanuele.

Questa la motivazione: “In servizio di vigilanza lungo l’autostrada che collega Messina a Catania, gli operatori intervenivano per un autocarro in panne che ostruiva la corsia di emergenza e quella di marcia. Sul posto si adoperavano per disciplinare il traffico e prestare assistenza al conducente del mezzo. Nel contempo sopraggiungeva un autoarticolato che non riusciva ad arrestare la marcia entrando in collisione con l’autovettura di servizio. I due operatori cercavano di mettersi in salvo tentando di scavalcare il guardrail, Spadaro non riusciva nell’intento e veniva violentemente colpito decedendo poco dopo per le gravissime lesioni riportate; Muscolino, invece, precipitava nella scarpata attigua, riportando gravi fratture e lesioni agli arti inferiori. Chiaro esempio di altissimo senso del dovere, coraggio e spirito di sacrificio a servizio della collettività” - Itala (Messina) 15 gennaio 2019.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.