Venerdì 18 Ottobre 2019
Firmato il decreto di finanziamento. Alcuni locali andranno alla Riserva naturale


Fiumedinisi, un milione per l'ex municipio: sarà Ufficio turistico e sede per associazioni

di Andrea Rifatto | 23/12/2017 | ATTUALITÀ

1311 Lettori unici

L'ex municipio in piazza Matrice

Firmato nei giorni scorsi il decreto di finanziamento che destina l’importo di 988mila 465 euro per l’intervento di manutenzione straordinaria e riqualificazione funzionale dell'ex municipio di Fiumedinisi. L'immobile diventerà sede della Riserva naturale orientata Fiumedinisi-Monte Scuderi, così come stabilito da un accordo di programma stipulato nel 2006 tra il Comune e l'Azienda regionale Foreste demaniali, ente gestore della Riserva che si impegnato ad istituire un Ufficio per l'informazione e l'accoglienza turistica. La struttura sarà anche sede di associazioni operanti nel territorio e ambiente per riunioni. Il provvedimento arriva al termine di un iter durato oltre due anni, iniziato nel 2015 con la partecipazione del Comune a un bando che finanziava progetti di riqualificazione urbana. Fiumedinisi ha aderito alla linea riservata ai centri con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti e già nell’ottobre dello scorso anno il progetto era stato inserito nella graduatoria degli interventi ammessi, per poi essere finanziato nel Patto per il Sud con le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. L’elaborato esecutivo, approvato in ultima istanza dalla Giunta il 13 dicembre scorso, prevede lavori per 707mila 085 euro, mentre 281mila 380 sono le somme a disposizione.

I lavori di manutenzione e riqualificazione dell’edificio di piazza Matrice, secondo il progetto redatto dall’architetto Natale Coppolino dell’Ufficio tecnico comunale, consisteranno nel rifacimento di tutti gli intonaci interni ed esterni con prodotti bio-ecologici, nella sostituzione degli infissi, nell’installazione di un elevatore servoscala e nel rifacimento degli impianti elettrico, idrico e fognario. Una porzione del piano cantinato e del piano terra, ad eccezione dell'ingresso, sono di proprietà di altre ditte, mentre la restante porzione del piano cantinato, l'ingresso al piano terra, il piano primo ed il piano secondo sono di proprietà del Comune di Fiumedinisi. Nel 2014 i privati comproprietari hanno delegato l’allora sindaco Alessandro Rasconà a seguire la pratica e ad effettuare i lavori, subordinandoli all'ottenimento del finanziamento e impegnandosi a corrispondere le somme di propria competenza in relazione alle quote millesimali di ogni proprietario per l’importo necessario esclusivamente alla realizzazione delle parti comuni. Il Comune avrà adesso 180 giorni di tempo dalla notifica del decreto per espletare la gara d’appalto e affidare i lavori all’impresa aggiudicataria, pena la revoca del finanziamento.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.