Lunedì 16 Settembre 2019
Nota sulla vicenda delle infiltrazioni di acqua alla Primaria e al Centro diurno


Furci, "Improvvisazione e sprechi": il Pd bacchetta l'Amministrazione

24/11/2016 | ATTUALITÀ

1014 Lettori unici

I lavori di impermeabilizzazione (foto Francesco Puglisi)

Il Circolo “Tino Parisi” del Partito democratico di Furci Siculo è intervenuto con una nota in merito ai disagi patiti da studenti e famiglie in seguito alle infiltrazioni d’acqua nei locali della scuola primaria del Centro. “Comprensibile è anzitutto riconoscere il disappunto dei genitori dei bambini della scuola elementare i quali, chiaramente, hanno espresso la loro apprensione rispetto ai disagi a cui i propri figli sono andati recentemente incontro – scrive il segretario Pierangelo Micalizzi : nella fattispecie facciamo riferimento all’evacuazione dal plesso scolastico di tre classi nella giornata di martedì, e la chiusura dell’intero plesso nei giorni successivi. Impossibile dunque portare i propri figli a scuola, causa inaccessibilità della struttura. Incomprensibili invece sono le motivazioni che hanno determinato l’accaduto: acqua giù dal tetto a causa della concomitante azione di impermeabilizzazione dell’edificio e delle piogge che contestualmente sono avvenute. Abbiamo sempre creduto che un’Amministrazione comunale per ottenere risultati debba programmare e non improvvisare – sottolinea il Pd furcese – e infatti i risultati sono in questo caso disastrosi: lavori da eseguire e completare nei mesi estivi, lontano da piogge e studenti, vengono invece svolti nel mese di novembre! A chi attribuire la responsabilità? Alla mancanza di programmazione amministrativa o all’inclemenza meteorologica?”

Presenza di varianti ma stesso esito per il Centro diurno – prosegue la nota firmata dal segretario – dove però 700mila euro sono già stati utilizzati per la ristrutturazione dell’opera. Le risorse finanziarie furono intercettate dall’Amministrazione precedente, ma gli interventi vennero eseguiti dall’esecutivo in carica. Denaro pubblico quindi raggiunto da altri che l’attuale Amministrazione ha utilizzato non male... ma peggio!  Speravamo che ben cinque mesi fa il sindaco, come dovuto, ed esattamente come fatto nei mesi di giugno 2014 e di luglio 2015, relazionasse in Consiglio comunale rispetto al terzo anno di attività amministrativa svolta – conclude Micalizzi – e quindi anche sulla gestione di interventi per le opere pubbliche oggetto del presente comunicato. Lo stiamo ancora aspettando”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.