Martedì 20 Novembre 2018
Autorizzato dalla Regione dopo la richiesta presentata dalla Pro Loco


Furci, nasce l’Ufficio di informazioni e accoglienza ai turisti

di Redazione | 07/11/2018 | ATTUALITÀ

257 Lettori unici

Il Centro diurno di Furci

Via libera dalla Regione siciliana all’istituzione a Furci dell’Ufficio di Informazioni e Accoglienza ai Turisti. Il Dipartimento regionale del Turismo, Sport e Spettacolo ha infatti autorizzato la Pro Loco all’apertura dello sportello per la promozione e valorizzazione turistica del territorio. La richiesta era stata inviata dall’associazione, presieduta da Manuele Spadaro, lo scorso 31 agosto e sulla scorta della documentazione prodotta e del sopralluogo eseguito il 3 ottobre nei locali del Centro diurno in via Madonna delle Grazie, dove avrà sede lo Iat, è stata riscontrata la presenza dei requisiti richiesti (locali facilmente accessibili, ben arredati e accoglienti, adeguatamente attrezzati con linee telefoniche, computer, collegamento alla rete internet disponibile per l’utenza, personale adeguato alla funzione, sufficienza economica tale da consentire la continuità del servizio) ed è dunque stato rilasciato il nulla osta. Il Dipartimento regionale del Turismo ha già inserito l’Ufficio di Informazioni e Accoglienza ai Turisti di Furci nell’elenco regionale di quelli riconosciuti, insieme agli altri sei esistenti in provincia di Messina, tra cui Alì Terme nel comprensorio jonico. Scopo dello Iat della Pro Loco è la valorizzazione turistica delle realtà e delle potenzialità naturalistiche, culturali, storiche, sociali e gastronomiche del paese, tramite l’organizzazione, anche in collaborazione con enti pubblici e/o privati, di iniziative quali visite, escursioni, attività di animazione locale, azioni di valorizzazione ambientale e gestione dei monumenti e dei relativi servizi, finalizzati alla loro fruizione turistica; promozione del miglioramento dei servizi di accoglienza ed informazione turistica, delle infrastrutture e della ricettività alberghiera ed extralberghiera; sviluppo di attività di turismo sociale, con particolare riguardo alla terza età, ai minori ed ai disabili.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.