Domenica 25 Agosto 2019
La proposta dell'Amministrazione comunale per riunire la popolazione scolastica


Furci Siculo. "Basta fusioni, serve un istituto omnicomprensivo"

di Andrea Rifatto | 29/01/2015 | ATTUALITÀ

1607 Lettori unici | Commenti 1

La sede di Furci dell'Istituto tecnico "S. Pugliatti"

Un istituto omnicomprensivo che riunisca tutta la popolazione scolastica cittadina. É la proposta elaborata dall'Amministrazione comunale di Furci Siculo, che preso atto dei criteri generali per la definizione della riorganizzazione della rete scolastica siciliana per l’anno scolastico 2015/2016, emanati dall’assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, non ha perso tempo e si è subito attivata per provare a far sorgere nella cittadina jonica un nuovo istituto scolastico. Il sindaco Sebastiano Foti è determinato, infatti, a stravolgere l’attuale assetto dei plessi cittadini, che ha portato negli anni alla perdita della presidenza dell’Istituto comprensivo (2012) e dell’Istituto superiore (2013) e all’accorpamento dell’Istituto tecnico al “Pugliatti” di Taormina, mentre le scuole dell’infanzia, elementari e medie sono state aggregate al Comprensivo di Roccalumera. Con un atto di indirizzo la Giunta comunale, considerato che la popolazione scolastica ha registrato nell’ultimo triennio un trend in aumento grazie alla centralità delle realtà scolastiche furcesi, dove insistono un istituto di istruzione secondaria superiore, una scuola d’istruzione secondaria di primo grado, una scuola d’istruzione primaria e due scuole dell’infanzia, ha proposto di far confluire in un unico istituto omnicomprensivo con una propria autonomia tutte le realtà scolastiche cittadine, così da scongiurare un abbassamento della qualità dei servizi e delle opportunità di sviluppo per l’intera comunità, evitando disagi e disservizi agli studenti e alle famiglie. Per l’Amministrazione Foti l’istituzione, mediante verticalizzazione, di una autonomia scolastica per la costituzione di un nuovo istituto omnicomprensivo, o in alternativa l’accorpamento di più istituti dello stesso tipo ricadenti nei comuni viciniori o confinanti, in grado di consentire al comune furcese di ottenere nuovamente l’autonomia, è una strada percorribile vista l’esistenza dei giusti requisiti normativi. L’operazione consisterebbe nella creazione di una nuova istituzione scolastica, formata dall’unione di plessi provenienti da istituzioni scolastiche diverse: per acquisire la personalità giuridica serviranno almeno 600 alunni, limite ampiamente superato dalla popolazione scolastica furcese. La parola passerà adesso all’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia (ambito territoriale per la provincia di Messina), che dovrà girare la proposta all’assessorato regionale per le valutazioni finali.

Più informazioni: furci siculo  


COMMENTI

ettore scarci | il 30/01/2015 alle 12:54:50

Per dare più forza a questa richiesta avanzata dal Sindaco di Furci bisogna coinvolgere anche le varie amministrazioni locali del comprensorio ,vista l'utenza ,bisogna anche che tutti i rappresentanti scolastici , genitori , docenti e personale che operano nel polo scolastico di Furci si mobilitano con un esposto protesta rivolto agli organi competenti ,nel quale si mettono in evidenza tutti i disagi che l'utenza tutta affronta giornalmente a causa del vigente accorpamento. Non si deve fare come al momento dell'avvenuto accorpamento , ma ci si faccia sentire fortemente sperando che sia la volta buona e si passi realmente dalle parole ai fatti concreti.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.