Mercoledì 21 Agosto 2019
L'Amministrazione punta alla gestione con i privati. No dal comandante dei Vigili


Giardini, strisce blu con il project financing: perplessità e pareri contrari

di Andrea Rifatto | 30/04/2019 | ATTUALITÀ

641 Lettori unici

Strsce blu sul corso Umbero I

Affidare la gestione dei parcheggi ai privati tramite project financing. È questa l’intenzione dell’Amministrazione comunale di Giardini Naxos, che su proposta del vicesindaco con delega a Viabilità e Parcheggi, Carmelo Giardina, ha approvato una delibera dichiarando di pubblico interesse la proposta presentata ad agosto da un’impresa di Paternò e inviando gli atti al Consiglio per l’approvazione. La Giunta ha fatto proprie le criticità, i rilievi e le condizioni espresse dei funzionari comunali e ha dato mandato ai dirigenti di adeguare gli atti. Sull’operazione sono parecchie le perplessità degli Uffici di Palazzo dei Naxioti. Per l’Ufficio tecnico non ci sono elementi ostativi e il dirigente ha individuato i parametri da mettere a bando sulla base delle considerazioni sulla convenienza economica e del miglioramento dei servizi, facendo però presente che occorrono i pareri di Polizia municipale e Area Economico-Finanziaria. E qui non mancano le perplessità. Il comandante dei Vigili, il maggiore Alfio Lo Cascio, ha espresso parere sfavorevole evidenziando come l’attuale gestione della ditta Duro Salvatore di S. Alessio, iniziata a luglio 2016 per l’importo di 120mila euro, abbia fatto incassare 600mila euro fino allo scorso 31 dicembre, oltre 31mila euro per abbonamenti. A ciò vanno aggiunti gli introiti da gennaio a giugno 2019 (mese di scadenza dell’affidamento). “Con il project financing il quadro economico andrà a modificarsi in negativo, atteso che la società intende corrispondere all’Ente fino al 31 dicembre 2023 il canone di 50mila euro annui, per poi cessare fino alla scadenza della concessione - scrive Lo Cascio - inoltre residenti e  lavoratori saranno penalizzati poiché sono previsti aumenti degli abbonamenti, da 10 a 50 euro nel primo caso e da 15 a 50 nel secondo”. Per i parcheggi da istituire sulle vie Consolare Valeria, Vittorio Emanuele e Umberto I serve poi il nulla osta Anas. Il rag. Mario Cavallaro ha dato parere di regolarità contabile favorevole, con riserva alle previsioni del Piano di riequilibrio, rilevando però “l’assenza di una dettagliata analisi costi/benefici sugli effetti economico/sociali dell’operazione, evidenziando come “non sia chiaro se il nuovo sistema dei parcheggi integri e/o modifichi quello esistente” e che nell’ultimo triennio gli incassi sono stati di 120mila euro nel 2016, 219mila nel 2017, 243mila nel 2018 e 15mila nel 2019, “con un evidente incremento in termini di flussi finanziari e potenzialità significative”.

“Sarebbe irresponsabile lasciare la città nel pieno della stagione turistica-balneare senza una gestione controllata della viabilità e dei parcheggi”. Sulla vicenda parcheggi si è espresso il Comitato di emergenza San Giovanni, in una lettera inviata ieri al sindaco, all’assessore alla Viabilità e al Consiglio. “Si trovi la giusta soluzione per evitare che resti nel caos la gestione dei parcheggi e della sosta - scrivono Lilly Labonia e Tanino Consoli - e sarebbe opportuno gestire i parcheggi esistenti (S. Giovanni, rotonda Anas, Recanati) con un capitolato d’oneri che preveda a carico del concessionario una navetta che colleghi la città e i parcheggi”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.