Sabato 24 Agosto 2019
L'allarme di Coldiretti. Scuole chiuse a Giarre e San Gregorio


Grandinata record nel catanese: "Danni per milioni di euro" - FOTO

di Redazione | 22/01/2015 | ATTUALITÀ

1434 Lettori unici

Vento, pioggia ma soprattutto grandine. La provincia catanese è in ginocchio con danni per milioni di euro alle coltivazioni. “Anche se è ancora troppo presto per le cifre – ha affermato il presidente della Coldiretti di Catania, Giovanni Pappalardo – di certo ci sono milioni di euro di danni alle colture e alle strutture nonché alla viabilità interna”. La zona più colpita è quella tra Acireale, Giarre e Fiumefreddo, dove oltre alle forti piogge e grandinate si è verificata anche una tromba d’aria che ha abbattuto parecchi alberi. Pioggia e grandine anche alle pendici dell'Etna dove a causa delle basse temperature i chicchi di ghiaccio non si sono sciolti creando gravi disagi alla circolazione. Numerose le auto rimaste in panne. A Viagrande alcune strade sono tutt'ora impraticabili. Il sindaco di Giarre, Roberto Bonaccorsi, dopo aver convocato attivato l'unità di crisi ha ordinato la sospensione delle attività didattiche per domani 23 gennaio, “al fine di consentire sopralluoghi di verifica per accertare i danni subiti dalle scuole e l’agibilità dell’intera struttura scolastica”. A Giarre sono già stati accertati danni ingenti sia alla viabilità cittadina, a seguito della caduta di alberi di alto fusto, che in alcune scuole per infiltrazioni di acqua piovane e caduta di alberi nei cortili di ingresso”. Attualmente si sta ripristinando la viabilità su tutto il territorio comunale e resta qualche criticità su via S. Martino nella frazione di Carrubba per la caduta di un pino secolare.
Scuole chiuse domani anche nel comune di San Gregorio, dove il sindaco Carmelo Corsaro, tenuto conto degli improvvisi eventi climatici che hanno colpito il territorio comunale, ha disposto “la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado del proprio territorio comunale a partire dalle ore 15 di giorno 22 fino alle ore 24 del 26 gennaio”. Rimarranno aperte, invece, le scuole di Acireale, dove il sindaco Roberto Barbagallo “preso atto dell’ultimo bollettino del Dipartimento regionale di Protezione civile, che indica per la giornata di domani un livello di attenzione per il rischio idrogeologico” ha comunicato ai cittadini che è “consigliabile mantenere prudenza negli spostamenti, soprattutto nei pressi delle aree esondabili”.
A Catania la pioggia ha trasformato in un fiume via Etnea. Numerose le richieste di intervento pervenute al centralino dei vigili del fuoco a causa di allagamenti in varie zone. Nel liceo "Principe Umberto" la grandine ha provocato la rottura della copertura in plexiglas di un lucernario. In piazza Duomo il livello della grandine ha toccato i 30 centimetri. Circolazione in tilt in diverse zone della città. La Protezione civile comunale è intervenuta nella zona del cimitero per prevenire il rischio di caduta di alcuni alberi. La situazione è comunque sotto controllo. "Grazie al lavoro preventivo di pulizia svolto su tombini, caditoie e canali - ha detto l'assessore alla Protezione civile, Luigi Bosco - la forte grandinata non ha messo in crisi il sistema di smaltimento delle acque in città".


Più informazioni: grandinata catanese  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.