Martedì 17 Settembre 2019
Diverse le iniziative realizzate in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne


I giovani protagonisti del 25 novembre - FOTO

26/11/2014 | ATTUALITÀ

1371 Lettori unici

Organizzate a Roccalumera e S. Teresa dal Centro "Al tuo fianco"

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sono state diverse le iniziative promosse anche nella riviera jonica organizzate in particolare dal Centro antiviolenza "Al Tuo Fianco" di Roccalumera. Domenica si è svolta proprio a Roccalumera, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, una fiaccolata silenziosa per la via principale del paese, che ha visto la partecipazione di molti giovani e di esponenti delle istituzioni, oltre che dei rappresentanti di varie associazioni. Ad aprire il corteo uno striscione con la scritta “Il silenzio uccide”,  a testimonianza della necessità di denunciare gli episodi di violenze e maltrattamenti, poichè il silenzio è terreno fertile per tali barbarie senza fine. La marcia si è conclusa nella piazza della chiesa Madonna del Carmelo dove il sindaco, Gaetano Argiroffi, e il presidente dell’associazione, Cettina La Torre, hanno acceso il cero della speranza. Sul sagrato della chiesa erano disposte delle scarpette rosse, simbolo del femminicidio, in ricordo di tante donne vittime di violenza: le socie dell’associazione “Al tuo fianco” hanno poi letto i nomi di tutte le donne uccise nel corso del 2013.

Martedi presso il Liceo delle Scienze umane di S. Teresa d Riva si è svolta, invece, la seconda edizione del concorso “Esprimi il tuo pensiero contro la violenza”, riservato agli studenti dell’Istituto superiore “Caminiti Trimarchi” di S. Teresa di Riva, dell’Istituto superiore di Furci Siculo e del Liceo Sacro Cuore di S. Teresa. Oltre all’avv. Concetta La Torre, presidente del Centro “Al tuo Fianco”, che ha affrontato il problema delle varie forme di violenza e dei mezzi per combatterla, sono intervenuti come relatori la dott.ssa Rosalba Stramandino, vicequestore aggiunto della Polizia di Stato, che ha informato i ragazzi sulle modalità di espletamento delle indagini in caso di denuncia; la dott.ssa Valeria Curatola, giudice del Tribunale di Messina, sezione penale che ha fornito importanti informazioni sulla situazione attuale e sul numero dei processi per violenza e maltrattamenti sulle donne; la dott.ssa Rose Galante, psicoterapeuta , che ha presentato il suo libro “Perchè non lo lascio”. Presente anche un alto funzionario della Prefettura che ha portato i saluti del Prefetto di Messina, Stefano trotta. Ha moderato il dibattito la prof.ssa Laura Fleres. Alla manifestazione erano presenti i dirigenti scolastici dei vari istituti e molti docenti che hanno collaborato alla realizzazione del progetto. I protagonisti della manifestazione sono stati i ragazzi stessi, che con i loro elaborati hanno dato voce e prestato il volto alle innumerevoli donne vittime di violenza: moltissimi gli elaborati presentati dai ragazzi che sono stati esaminati da una giuria di esperti. A tutti i partecipanti  al concorso sono stati consegnati attestati di partecipazione.
Ecco i nomi dei vincitori:

Categoria video

I) Guardare in faccia la realtà - V D liceo scientifico S. Teresa di Riva

II) Spot contro la violenza - V A AFM Furci Siculo

III) No alla violenza sulle donne - III A Turistico Furci Siculo


Categoria grafica

I) Manifesto fotografico con video: V A Liceo Classico S. Teresa di Riva

II) disegno: Anastasia Klemm - V Liceo Scienze Umane Sacro Cuore

III) Locandine Femminicidio: Alberto Rosati, Serena Micalizzi e Giulia Summa II B Liceo Classico S. Teresa di Riva


Sezione prosa e poesia

I) Poesia: Valeria Scarcella - IIA Liceo Classico S. Teresa

II) Poesia: Trimarchi Iris - II A Liceo Classico S. Teresa

III) Prosa “Maledetto quel giorno”: Gabriele Carnabuci V A MAT Furci Siculo


Più informazioni: violenza sulle donne  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.