Giovedì 25 Aprile 2019
Il primo cittadino incontrerà la stampa per esporre il suo operato


“Il 2015 anno positivo per Nizza di Sicilia”: il bilancio del sindaco Di Tommaso

di Redazione | 29/12/2015 | ATTUALITÀ

1017 Lettori unici

Il sindaco di Nizza di Sicilia, Giuseppe Di Tommaso

Fine anno, tempo di bilanci. Il sindaco di Nizza di Sicilia, Giuseppe Di Tommaso ha fissato per domani mattina, alle ore 10.30, nell'aula consiliare, un incontro con la stampa per fare il punto della situazione sull'attività amministrativa e anticipare i propositi per il 2016. Intanto, il 2015 è stato valutato in maniera positiva del primo cittadino. “L’anno passato se ne sta andando e credo di poter dire che è andato bene: mi riferisco ai ridotti limiti degli accadimenti del Comune di Nizza di Sicilia! Non è aumentato il Pil locale – spiega Di Tommaso - ma credo che non sia nemmeno diminuito. Non è aumentata l’occupazione, ma neppure diminuita e, soprattutto, non sono aumentate le tasse e i tributi comunali: di questi tempi ci si può anche accontentare!”. Di Tommaso passa poi in rassegna alcune problematiche che sono state affrontate sotto il profilo economico. “Abbiamo approvato – dice il primo cittadino – gli elenchi degli insoluti dell’Ici e dei canoni dell’acquedotto, della fognatura e della depurazione, che ci consentirà di svolgere l’azione legale per il recupero dei relativi crediti. Altro atto importante e determinante dell’attività finanziaria è stato il riaccertamento definitivo dei residui attivi e passivi per il 2014 e la conseguente possibilità di smaltire i restanti debiti, mediante il ricorso ai recentissimi provvedimenti legislativi, posti in essere dal Governo Renzi, proprio per eliminare i debiti della Pubblica Amministrazione”.

Opere pubbliche
Sotto il profilo delle opere pubbliche, “ossia interventi svolti sul territorio per renderlo protetto, moderno e funzionale”, secondo Di Tommaso, “numerosi sono i provvedimenti e le azioni svolte dall’Ufficio tecnico”: il recupero e la ristrutturazione della scuola media “Alfieri”, l'ampliamento dell’asilo nido, la metanizzazione, la realizzazione di punti infotelematici pubblici presso il Museo del Risorgimento, gli impianti fotovoltaici della scuola materna e della scuola elementare, la realizzazione del “Mercato degli agricoltori”, la realizzazione dei pannelli informativi esplicativi, l’arredo urbano sul Lungomare Unità dell’Italia, i lavori di restauro e ristrutturazione dell’edificio destinato ad attività socio-assistenziali, gli interventi sul campo sportivo, la realizzazione dell’approdo da pesca e diporto. Lavori che hanno riguardato anche il territorio extraurbano, con il recupero del bosco delle contrade Fossa Tovaglia, Cicirata e Acqua Monaco, gli interventi di valorizzazione del contesto architettonico e paesaggistico del Parco suburbano “La Rocca di Buticari”, i lavori di incentivazione delle attività turistiche presso lo stesso parco e gli eventi del progetto “Rocca Buticari Events”.

Rifiuti, ambiente e nuove opere
“Merita un cenno particolare una serie di atti svolti in ambito sovracomunale che ritengo molto utili per il futuro del nostro comprensorio” – prosegue il sindaco di Nizza. In particolare vengono citati il protocollo d’intesa per l’istituzione del Contratto di Fiume Valle di Nisi e la costituzione dell’Aro per lo smaltimento dei rifiuti solidi, di cui l’Ufficio comune ha già pronta la gara per l’affidamento del servizio. Di Tommaso ricorda poi che sono previsti alcuni interventi in paese grazie ad un mutuo già ottenuto dalla Cassa Depositi e Prestiti, l’elaborazione di un progetto per la palestra del cortile della scuola elementare, la redazione del Piano Amianto “che certamente, insieme ad alcuni interventi improcrastinabili di manutenzione straordinaria dell’abitato, renderanno vivibile e funzionale il territorio del nostro comune”.

Trasparenza, servizi e attività per i giovani
“Sono stati attuati numerosi provvedimenti legati e conseguenti alle norme oggi in vigore per una corretta amministrazione della cosa pubblica” – aggiunge il sindaco Di Tommaso. In particolare vengono citati il Programma triennale della trasparenza e della integrità, il Piano triennale di prevenzione della corruzione, l’approvazione del Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e l’applicazione del Codice Virga di riconoscimento dei visitatori presso la casa comunale. Inoltre sono stati approvati: la convenzione per lo svolgimento del lavoro di pubblica utilità, l’organizzazione dell’accoglienza nella rete Sprar, il Piano di zona D26 e la presa d’atto dell’area omogenea distrettuale, facente capo a Pagliara, per razionalizzare la programmazione degli interventi sociali nel comprensorio. È stato predisposto ed è in fase di attuazione il progetto di Servizio civile nazionale Garanzia Giovani, in due articolazioni, culturale e ambientale; è stata stipulata la convenzione con l’associazione Asofa per lo svolgimento di tirocini formativi presso l’asili nido, in vista della sua implementazione: sono state attuate le borse lavoro in collaborazione con l’Ato Me4 e l’integrazione oraria degli operai Lsu e infine sono stati concessi tutti i contenitori culturali comunali, auditorium, biblioteca, cortile del Museo del Risorgimento, refettorio alle associazioni culturali e sportive, per l’organizzazione di eventi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.