Sabato 20 Luglio 2019
Continue scie di reflui inquinano tutta la costa: protestano politici e cittadini


Il mare della riviera jonica è una fogna a cielo aperto: così si rovina il turismo

di Andrea Rifatto | 21/09/2018 | ATTUALITÀ

2427 Lettori unici | Commenti 7

Una scia di fogna dei giorni scorsi

“Il nostro mare sta morendo, è una fogna a cielo aperto (sperando non si tratti di altro) e ogni giorno che passa è sempre peggio, nel silenzio generale”. A lanciare il grido d’allarme su una problematica che colpisce indistintamente i centri tra Scaletta Zanclea e Giardini Naxos, che nei mesi scorsi abbiamo denunciato più volte, è il capogruppo di minoranza di Furci, Francesco Rigano, che ha voluto denunciare il grave stato di inquinamento del mare della riviera jonica notevolmente intensificatosi nelle ultime settimane. “La riviera jonica non può parlare di turismo ed avere questo biglietto da visita, gli amministratori devono intervenire, individuare il problema ed assumersi le proprie responsabilità – evidenzia Rigano - perché il nostro mare è ciò che di più prezioso abbiamo”. Se si vuole puntare in maniera decisa sullo sviluppo turistico dei centri jonici, non si può infatti prescindere dal garantire spiagge accoglienti e mare pulito, altrimenti non vi sarà mai promozione che tenga se poi il visitatore trova la fogna in acqua. “Tutta la riviera jonica messinese dispone di un mare e di spiagge meravigliose ma mi chiedo perché da alcuni giorni è impossibile farsi il bagno per la sporcizia e residui di fognatura che transitano nelle vicinanze della battigia – ha commentato un cittadino – chi deve controllare e individuare da dove proviene tutto ciò? Mi appello ai sindaci, questo bene prezioso si deve salvaguardare non solo nel mese di agosto ma tutto l'anno. Perché devo privarmi di fare il bagno in questo periodo che ritengo il migliore di tutta la stagione estiva?”. Come dargli torto. I sindaci spesso tendono a minimizzare e scaricare su altri il problema, per evitare danni di immagine che si registrano comunque quanto il turista vede scorrere sotto i propri occhi le scie maleodoranti. “Sono anni che mi sdegno a fare un bagno nel mio mare, onestamente non voglio dare la colpa ad un sindaco o ad una amministrazione piuttosto che un'altra – fa notare un altro residente – però mi chiedo quale sia, per esempio, l’utilità del Consiglio dell’Unione dei Comuni quando una problematica così incidente verso la risorsa primaria del nostro territorio non è mai stata affrontata ed è una cosa che riguarda tutti”. Già, perché se non se ne occupano le singole amministrazioni, non è da meno l’ente sovracomunale di cui fanno parte. In attesa di scoprire da dove arrivino questi reflui scaricati in mare (i depuratori della zona jonica non manifestano problemi tali da causare ciò), se da Messina o dal Catanese, magari con l’intervento di Guardia costiera e Guardia di Finanza, chi vuole fare un tuffo in mare deve cercare di scegliere la giornata giusta per evitare di imbattersi in sorprese….


COMMENTI

fausto parra | il 21/09/2018 alle 12:59:09

parliamo della Bandiera Blu?

massimo | il 21/09/2018 alle 15:41:51

Anche di questo , del paese più sviluppato della nostra Riviera senza condutture di rete fognante nella maggior parte del suo territorio , però di bello abbiamo la bandiera Blu ed anche Verde .

Alessio | il 21/09/2018 alle 21:26:19

Gli hotel sul capo S.Alessio......altro che depuratori. Li vadano a controllare dove scaricano.

Pippo Sturiale | il 21/09/2018 alle 21:50:43

Credo sia necessario chiedere che i depuratori funzionino bene, che si usino tutti i prodotti, che si eliminino i fanghi, che si CONTROLLI che ciò avvenga ..... ma un articolo basato sul nulla, visto che nessun nuovo esame ha rivelato chissà quale inquinamento, mi sembra scorretto ... e non fa bene al nostro turismo. Facciamo parlare i fatti e facciamo fatti, cioè facciamo funzionare i depuratori e dimensionamoli anche per l'estate, per esempio potenziando l'ossigenazione in quel periodo.

Andrea Rifatto | il 22/09/2018 alle 09:41:06

La fogna in mare con escrementi che galleggiano è un fatto chiaro ed evidente, non servono analisi.

Pippo Sturiale | il 22/09/2018 alle 14:07:32

Andrea, l'inquinamento causato dai dei depuratori non si evidenzia con escrementi che galleggiano! Occorre, se si ha la volontà, indagare su altre cause, come indica Alessio.

Andrea Rifatto | il 22/09/2018 alle 14:35:52

L'articolo non parla di inquinamento causato dai depuratori.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.