Mercoledì 13 Novembre 2019
Contrasti e indicazioni "dall'alto" infiammano gli animi. E c'è un caso anche al Centro


S. Teresa. Insediamento con polemiche a Bucalo

di Andrea Rifatto | 28/07/2013 | ATTUALITÀ

3093 Lettori unici | Commenti 5

I componenti "superstiti" del comitato al termine dell'insediamento

Animi tesi ieri sera in Piazza Madonna del Carmelo per la cerimonia di insediamento del Comitato Bucalo-Sparagonà: presenti solo sei componenti del comitato su nove (assenti Alice Sturiale, Rossella Sturiale e Marcello Suni, mentre hanno preso parte alla cerimonia Giovanni Remato, Giuseppe Migliastro, Maria Ciccia, Emanuele Garufi e Giovanni Nicita) all'insediamento presieduto da Rosario Pasquale, il primo degli eletti con 206 preferenze. Dopo la presa d'atto che a guidare il comitato sarà per l'appunto Rosario Pasquale e un breve saluto di ringraziamento di quest'ultimo si è passati alla votazione per eleggere vicepresidente e segretario. E qui arrivano i guai: nei giorni scorsi infatti, durante le riunioni preparatorie all'insediamento, nonostante toni molto accesi si era arrivati all'accordo di eleggere come vicepresidente Rossella Sturiale, assente ieri sera per motivi di lavoro; la Sturiale avrebbe comunque avuto almeno 4 voti sufficienti per essere eletta. Il secondo delle lista però, Giovanni Remato, pare non fosse d'accordo su questa decisione e ieri sera avrebbe manifestato tutto il suo disappunto anche agli amministratori comunali, tanto che pochi istanti prima del voto il sindaco ha raggiunto alcuni componenti del comitato, sembrerebbe, riferisce qualcuno, per dare loro indicazione su chi votare come vicepresidente. Alla fine dei giochi è risultato eletto come vice Giovanni Remato con 3 voti, mentre Rossella Sturiale ha ottenuto 2 preferenze e un voto è andato ad Emanuele Garufi. Situazione complicata anche per l'elezione del segretario: alla prima votazione c'è stato un pareggio tra Maria Ciccia e Rossella Sturiale (2 voti) mentre ha ottenuto una preferenza Giuseppe Migliastro e una scheda è risultata bianca. Si è dunque passati ad una seconda votazione e per il principio della parità di genere la scelta è stata fatta tra le due donne, essendoci già un vicepresidente di genere maschile: eletta come segretario è risultata Rossella Sturiale con 4 voti (2 preferenze sono andate a Maria Ciccia). Voci dalla piazza dicono che la Sturiale sarebbe intenzionata a dimettersi dalla carica di segretario. Breve intervento poi del Presidente del Consiglio Comunale Danilo Lo Giudice, che ha affermato che saranno i componenti del Comitato di Quartiere a rendere fondamentale il ruolo di quest'organo, che dovrà essere interprete della volontà popolare sulla base di un confronto diretto con l'amministrazione comunale, per affrontare tematiche importanti coma la viabilità del quartiere ed altri aspetti legati alla vivibilità. il sindaco Cateno De Luca ha comunicato alcune novità, come la nascita in municipio di un ufficio per il decentramento, che avrà la funzione di coordinare l'attività dei Comitati di Quartiere e la partecipazione dei presidenti dei comitati alle riunioni della giunta comunale, per far sì che le decisioni e le scelte per la città siano il più possibile condivise in piena trasparenza. Grattacapi intanto anche per il Comitato Centro-Torrevarata: pare infatti che un componente eletto lo scorso 30 giugno abbia preso la residenza nel quartiere solo cinque giorni prima della competizione elettorale, quando il regolamento comunale dice invece che la presentazione della candidatura deve avvenire almeno 25 giorni prima della consultazione. Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori sviluppi e sentiremo i protagonisti delle vicende relative ai Comitati di Quartiere, all'interno dei quali c'è un certo agonismo non ipotizzabile alla vigilia della loro nascita.

Più informazioni: comitati quartiere  


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 28/07/2013 alle 10:45:08

Certo che non si è capito tra chi va considerata la parità di genere. Finora era considerata tra Presidente e vice-presidente, ora si dice che è tra vice e segretario. ...!??... Il regolamento si interpreta ... a convenienza. Invece della partecipazione sembra che questi comitati siano "festa, farina e frusta" ... invece che Politica, cioè occuparsi dei problemi e proporre soluzioni. Speriamo in un rinsavimento ... anche se, pure in estate, si farà il carnevale, invece che "semel in anno licet insanire" ... si deve modificare il detto in "semel in anno licet insavire". Insomma si diceva che solo una volta l'anno si poteva impazzire, oggi si constata che solo una volta l'anno si può essere savi. Oh tempora, oh mores. Che tempi, che modi di fare!

Giovanni Remato | il 28/07/2013 alle 15:30:05

In risposta all'articolo scritto dal Sig.Rifatto desidero apportare i dovuti chiarimenti. In primis ritengo che la vicepresidenza di un comitato debba essere concordata ascoltando, in rispetto dei componenti, le singole parti. Ciò non è avvenuto tanto che negli incontri preliminari si è giunti ad "offendere", non ascoltando le varie opinioni. Questa è , a mio parere, una grave mancanza, dal momento che siamo qua per decidere insieme , lavorare insieme, costruire insieme, nel rispetto, ripeto, delle opinioni di ciascuno. Non così è avvenuto nella proposta di candidare alla vicepresidenza Rossella Sturiale (che, fra le altre cose, quel giorno e, anche nei precedenti incontri, era assente). Quest' ultimo accordo è stato preso in gran segreto solo fra pochi componenti del gruppo; GLI ALTRI NE ERANO ALL'OSCURO. Ribadisco: una decisione del genere, come ogni decisione, deve essere concordata, discussa, anche animatamente, ma dalla discussione si deve arrivare ad unire per costruire e non a dividere per distruggere. Comunque tutto questo è il passato, ora bisogna unirsi per fare proposte costruttive insieme. Grazie

MARIA BARBARA CICCIA | il 29/07/2013 alle 10:07:30

Anche io come Giovanni Remato voglio dire la mia su questo articolo in quanto la signora Rossella Sturiale non l'ho mai vista fisicamente poiché non si è mai presentata a nessuna riunione, a parte il fatto che neanche io sono stata invitata all'ultima riunione che hanno fatto solamente alcuni del comitato,non capisco come si pretende di proporre una persona che ,ripeto,non è mai venuta alle riunioni.Ora chiuso argomento è il momento di fare le nostre proposte e dobbiamo cercare di cogliere tutto quello che c'è di negativo nel nostro quartiere e attenzionarlo all'amministrazione comunale.Ho fatto creare tramite mio figlio un gruppo su facebook dove chi vuole può anche scrivere i problemi che desidera che siano risolti il nome del gruppo è COMITATO DI QUARTIERE BUCALO-SPARAGONA'.

santo trimarchi | il 29/07/2013 alle 15:40:47

Sembra che un principio altamente democratico come la parità di genere abbia provocato tante polemiche e sembra che le discussioni ed il confronto non valga a niente quando prevale l'interesse personale. Purtroppo si parte male perchè manca la sensibilità di valorizzare la diversità, di accettare il dissenso come risorsa e di accogliere le proposte che possano servire il bene comune!!In realtà il comitato di quartiere se ha dato l'impressione a qualcuno di mettersi in mostra e di contare per il risultato acquisito perde di significato e sarà difficile la ricerca dei problemi da risolvere per un paese che ne ha davvero tanti e meritano particolare attenzione.

migliastro giuseppe | il 31/07/2013 alle 01:03:23

Da che pulpito viene la predica!?! Giusto Carneade e Co. che parlano di notorietà altrui!!!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.