Mercoledì 20 Novembre 2019
Aiuti finalizzati alla ricostituzione del potenziale forestale ed interventi preventivi


Investimenti ambientali: finanziati 51 progetti in Sicilia

di Andrea Rifatto | 13/12/2013 | ATTUALITÀ

2535 Lettori unici

Con il decreto n. 1113, firmato dal dirigente generale del Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali il 30 ottobre scorso, l’assessorato alle Risorse Agricole e Alimentari ha approvato le graduatorie delle istanze ammissibili a finanziamento, non ammissibili e non ricevibili, in merito alla seconda sottofase della misura 226 – azioni A e B del PSR Sicilia 2007/2013, riguardanti la Ricostituzione del potenziale forestale ed introduzione di interventi preventivi”. La misura 226 ha come obiettivo incentivare gli aiuti per la riduzione del rischio idrogeologico, di desertificazione e di incendio nel territorio siciliano. Gli investimenti finanziati serviranno a prevenire calamità naturali ed incendi e a migliorare la funzionalità degli ecosistemi forestali danneggiati. Le tipologie di interventi previsti sono due: la prima (A) prevede azioni preventive di contrasto per la prevenzione delle foreste dagli incendi attraverso l’installazione o il miglioramento di strutture o infrastrutture di protezione, l’adozione di adeguate pratiche selvicolturali di prevenzione, il potenziamento degli impianti di comunicazione e/o videocontrollo. Le azioni finalizzate alla difesa dal dissesto idrogeologico e dai fenomeni di erosione potranno essere eseguite mediante la realizzazione o la manutenzione di sistemi idraulico-forestali, la sistemazione di versanti con tecniche di ingegneria naturalistica, il ripristino di sezioni idrauliche. Nella stesura delle graduatorie è stata data precedenza agli interventi di difesa dal dissesto idrogeologico nei bacini montani o parzialmente montani esposti a fenomeni di erosione, a rischio desertificazione o a rischio idrogeologico elevato e/o molto elevato. La seconda tipologia di interventi (B) è legata al rimboschimento di aree danneggiate da disastri naturali o da incendi con specie più resistenti a tali avversità. Il sostegno previsto dal Piano di Sviluppo Rurale copre il 100% del costo dell’investimento.
Per l’azione A sono stati ammessi a finanziamento 46 progetti in tutta la Sicilia, per un totale di 14.889.710,01 euro finanziati. Cinque invece le istanze ammesse nell’azione B: 1.825.500,00 euro la somma stanziata per questi progetti. Non ammissibili nella graduatoria "B" 4 progetti presentati da comuni del palermitano.
Nella riviera jonica messinese ammessi a finanziamento nell' "azione A" i progetti di Casalvecchio Siculo e Furci Siculo, appartenenti al Distretto forestale n° 2. Il comune collinare della Val d'Agrò ha ottenuto 20 punti nella graduatoria di merito e riceverà 390mila euro per la "ricostituzione del potenziale forestale ed introduzione di interventi preventivi atti a ridurre il rischio incendio mediante sfolli fitosanitari e diradamenti in impianti monospecifici di conifere per favorirne il successivo latifogliamento, diradamenti e sfolli fitosanitari su castagneti e decespugliamenti selettivi in zone particolarmente esposte, finalizzati alla riduzione del rischio di incendio". Anche il comune di Furci Siculo si è piazzato in graduatoria con 20 punti, a pari merito con Casalvecchio, e avrà 340mila euro per "ricostituzione del potenziale forestale ed introduzione di interventi preventivi atti a ridurre il rischio incendio mediante sfolli fitosanitari e diradamenti in impianti monospecifici di conifere per favorirne il successivo latifogliamento e decespugliamento selettivo in zone particolarmente esposte, finalizzati alla riduzione del rischio di incendio".


In allegato le graduatorie delle azioni A e B

Più informazioni: finanziamenti  riqualificazione urbana  ambiente  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.