Domenica 23 Settembre 2018
Si torna in classe grazie ai lavori sugli impianti e alle misure compensative


Istituto “Caminiti-Trimarchi”, riaprono le sedi di S. Teresa, Letojanni e Giardini

di Andrea Rifatto | 14/09/2018 | ATTUALITÀ

2930 Lettori unici

La dirigente Carmela Maria Lipari

Si torna in classe martedì 18 settembre nei tre plessi di S. Teresa, Letojanni e Giardini dell’Istituto di istruzione superiore “Caminiti-Trimarchi”. Lo ha stabilito oggi la dirigente scolastica Carmela Maria Lipari, dandone comunicazione alla Città metropolitana di Messina, ai sindaci, all'Ufficio scolastico regionale e provinciale, a genitori, docenti e alunni. I tre edifici sono stati chiusi dal sindaco della Città metropolitana, Cateno De Luca, con ordinanza del 3 agosto per l’assenza delle condizioni di sicurezza dal punto di vista sismico e antincendio. Adesso sarà possibile far tornare gli studenti sui banchi grazie alle misure compensative adottate dalla dirigente e ai lavori di adeguamento degli impianti elettrici, finalizzati all’ottenimento delle certificazioni di conformità, finanziati dai Comuni di S. Teresa, Letojanni e Giardini, che si sono di fatto sostituiti alla Città metropolitana, ente che ha competenza gestionale sugli istituti superiori. Nel plesso santateresino, che ospita i licei Classico e Scientifico, sono in fase di ultimazione gli interventi di messa a norma delle rete elettrica per i quali il Comune ha stanziato 20mila euro; a Letojanni l’Amministrazione del sindaco Alessandro Costa ha impegnato 4mila euro per adeguare l’impianto elettrico in un’aula e in altri locali (sala docenti, laboratori, spazi comuni) e ritinteggiare i locali che verranno utilizzati quest’anno al Professionale per i Servizi commerciali, così come il Comune di Giardini si è attivato per gli interventi necessari al liceo Scientifico e Linguistico. La sede di Francavilla ha invece riaperto la porte già mercoledì 12, anche lì dopo la verifica dell'impianto elettrico da parte del Comune.

“Ringraziamo i Comuni che si sono assunti l’onere di eseguire i controlli e gli adeguamenti degli impianti elettrici – ha detto oggi la dirigente Lipari – le ditte hanno lavorato senza sosta e termineranno entro lunedì, per consentire la pulizia dei locali e l’inizio delle lezioni nella giornata di martedì. Voglio sottolineare l’importanza di avere formato una prima classe a Letojanni (15 studenti) dopo quattro anni di chiusura e speriamo nel giro di cinque anni di avere un intero corso di studi”. Per quanto riguarda la sicurezza antincendio l’Istituto adotterà le misure integrative e compensative previste dal Dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco per gli edifici non ancora a norma. Ciò, insieme all’adeguamento degli impianti elettrici, ha consentito la riapertura dei plessi. “Abbiamo chiesto ai Vigili del Fuoco di aggiornare il nostro personale scolastico già addestrato per la sicurezza antincendio e di formarne di nuovo – prosegue la dirigente del “Caminiti-Trimarchi” – e a tale scopo abbiamo stanziato le somme nel nostro bilancio. Abbiamo potenziato il numero di esercitazioni di evacuazione in caso di incendio previste durante l’anno scolastico e la vigilanza sulle vie di esodo. Adesso possiamo ripartire, in definitiva sono saltati quattro giorni di lezione e visto che il nostro calendario prevede 211 giorni di attività didattica non credo vi siano particolari necessità di recuperarli”. Martedì 18 rientreranno in classe tutti gli studenti: per quelli del primo anno ci sarà come di consueto un momento di accoglienza prima dell’ingresso in aula.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.