Giovedì 23 Maggio 2019
La struttura coperta è stata finanziata con 500mila euro dal ministero dell’Interno


"La palestra sia un presidio di legalità”: ad Alì Terme inaugurato il polivalente “Mattarella”

di Andrea Rifatto | 28/09/2015 | ATTUALITÀ

1641 Lettori unici

Un presidio di legalità e una conquista sociale ancor prima che uno spazio sportivo per tutto il comprensorio. È la valenza che stamane è stata data alla nuova palestra coperta inaugurata ad Alì Terme in contrada Santa Lucia, nell’area adiacente la scuola media "Stefano D'Arrigo”, intitolata alla memoria di Piersanti Mattarella, presidente della Regione Siciliana ucciso dalla mafia il 6 gennaio 1980. Una scelta in linea con il percorso seguito per la realizzazione della struttura. I lavori sono stati infatti finanziati con 500mila euro stanziati dal ministero dell'Interno nell'ambito del Programma operativo nazionale Fesr “Sicurezza per lo Sviluppo”, oggi Piano Azione Giovani “Sicurezza e Legalità” – progetto “Io gioco leGale”. Da qui la decisione dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Marino di intitolare l'impianto sportivo a una figura che fosse espressione forte della lotta alla criminalità organizzata e alla mafia. Alla costruzione del polifunzionale aliese ha contribuito anche il Credito sportivo nell’ambito dell’iniziativa “500 impianti sportivi scolastici”, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Anci. A benedire la struttura è stato il diacono Giuseppe Giannetto, che ha riunito in preghiera all’esterno del polivalente tutti i presenti, prima del taglio del nastro inaugurale affidato al sindaco di Alì Terme Giuseppe Marino. Cittadini, magistrati, deputati nazionali e regionali, amministratori comunali dei centri della riviera jonica, autorità militari e religiose, atleti e rappresentanti delle federazioni sportive hanno poi fatto ingresso sul parquet dell’impianto ultimato nelle scorse settimane. Al tavolo dei relatori, oltre al primo cittadino Marino, hanno preso posto il parlamentare regionale Nello Musumeci e il deputato nazionale Francesco D’Uva, rispettivamente componenti della Commissione regionale e nazionale Antimafia, Melchiorre Briguglio, già magistrato al Tribunale di Messina, il presidente del Consiglio comunale Lorenzo Grasso e il direttore generale dell’Agenzia nazionale Giovani Giacomo D’Arrigo. A moderare gli interventi, incentrati su legalità e sport, è stata la giornalista Valeria Brancato. Tra il pubblico non potevano mancare gli studenti della Media "Stefano D'Arrigo”, che saranno i principali fruitori della palestra coperta: dopo il taglio del nastro gli alunni delle classi prima, seconda e terza hanno sfilato lungo il perimetro della palestra sulle note dell’inno di Mameli, sventolando bandierine tricolori.

Il sindaco, nel suo intervento, ha voluto innanzitutto ringraziare gli assessori della sua Giunta, i consiglieri comunali e gli impiegati per essersi impegnati a fondo nel seguire tutto l’iter di realizzazione della struttura, con un elogio particolare per l’assessore Maria Rita Muzio, particolarmente coinvolta nell’iniziativa. “Piersanti Mattarella è stato un esempio per tutti noi – ha sottolineato Marino – e siamo orgogliosi che oggi Alì Terme abbia una struttura a lui intitolata”. Alla cerimonia sono intervenuti anche il viceprefetto Valerio De Joannon, che ha portato il saluto del prefetto di Messina Stefano Trotta, il vicequestore aggiunto Giuseppe Anzalone, in rappresentanza del questore Giuseppe Cucchiara, il delegato provinciale del Coni Aldo Violato, il responsabile del progetto “500 impianti sportivi scolastici”, Alessandro Bolis, e il responsabile della comunicazione istituzionale del Credito sportivo, Fabrizio Calaizzi.

“Creare uno spazio sportivo significa fare innanzitutto una conquista sociale – ha esordito nel suo intervento l’on. Nello Musumeci – e gli enti pubblici hanno il dovere di mettere a disposizione soprattutto dei giovani luoghi come questo, che rappresentano un’àncora di salvezza dalle devianze giovanili e dalle tentazioni facili offerte dalla criminalità e dal mondo dell’illegalità. Ogni scuola dovrebbe avere uno spazio per sport – ha aggiunto Musumeci – per preparare i giovani ad affrontare le criticità della vita: questa palestra deve essere uno strumento per educarli alle buone pratiche sia nello sport che nella vita”. Per il deputato nazionale Francesco D’Uva l’inaugurazione di oggi “rappresenta un esempio di cambiamento”, in un territorio come quello messinese dove spesso si combattono battaglie per mantenere servizi e strutture per la cittadinanza: “Mi complimento con l'amministrazione comunale per aver saputo sfruttare l’opportunità ed ottenere il finanziamento – ha dichiarato D’Uva –. Questa palestra sia un presidio di legalità, perché l’educazione alla legalità deve iniziare innanzitutto a scuola”. Commosso l’intervento del presidente del Consiglio Grasso, che ha ricordato come Alì Terme non abbia mai avuto fino ad oggi una struttura sportiva, costringendo da sempre i giovani aliesi a doversi spostare altrove o a rinunciare alla pratica sportiva: “È il momento più importante della vita amministrativa di Alì Terme degli ultimi sette anni – ha evidenziato Grasso – un impegno verso i giovani che abbiamo mantenuto dando un diritto negato per anni”. 

Il dibattito si è concluso con l’intervento del magistrato in pensione Melchiorre Briguglio, che ha giudicato l’apertura della palestra coperta come una lodevole iniziativa che contribuisce a far sì che le istituzioni indichino ai giovani la via da seguire: “La società nei decenni si è imbarbarita, siamo in un periodo di crisi di valori – ha spiegato Briguglio – e per combattere la criminalità e la mafia bisogna intervenire innanzitutto con la prevenzione e l’educazione, prima della repressione. Proprio per questo la scuola ha un ruolo importante nell'inculcare il rifiuto della violenza e la buona pratica sportiva è importante in tal senso”. La palestra sarà utilizzata per volley, basket e calcio a 5, ma potrà svolgere anche funzioni di aggregazione sociale in occasione di incontri culturali e riunioni. Previsto l’utilizzo sia scolastico che extrascolastico: in orario di lezione ne usufruiranno gli studenti delle medie ed elementari, mentre al pomeriggio potranno utilizzarla i cittadini e le associazioni sportive di Alì Terme. Già da domani entrerà in funzione ospitando esibizioni sportive



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.