Sabato 19 Ottobre 2019
La Regione firma il decreto di finanziamento. Al Comune l'onere dell'appalto


Letojanni, ecco i fondi per piazza Cagli: sarà luogo di accoglienza e intrattenimento

di Andrea Rifatto | 25/09/2018 | ATTUALITÀ

1028 Lettori unici

Piazza Corrado Cagli

Mancava solo il decreto di finanziamento per l’arrivo dei fondi da destinare alla riqualificazione e rifunzionalizzazione di piazza Cagli, a Letojanni, come luogo di accoglienza e intrattenimento. Ed è arrivata ieri, con il provvedimento siglato dal dirigente generale del Dipartimento regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti, Fulvio Bellomo, che fa arrivare nella cittadina turistica 950mila euro, provenienti dal Patto per il Sud nell’intervento strategico “Interventi di recupero e rifunzionalizzazione finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei comuni della Regione Sicilia”, coperto con le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. L’elaborato definitivo è stato predisposto dal geometra Sergio Marino dell’Ufficio tecnico comunale e approvato in prima istanza dalla Giunta guidata dal sindaco Alessandro Costa nel settembre 2015 per partecipare al bando dell’Assessorato regionale Infrastrutture per interventi di riqualificazione urbana dei centri storici; l’intervento è poi transitato nel Patto per il Sud e il progetto esecutivo è stato redatto dal raggruppamento temporaneo di professionisti “Arpa Progetti” con sede a Roccalumera, rappresentato dall’ingegnere Gaetano Arrigo, ottenendo l’ok definitivo dall’Amministrazione letojannese il 16 maggio scorso. Il quadro tecnico economico che prevede una spesa di 671mila 329 euro per lavori e di 278mila 670 per somme a disposizione. Adesso il Comune deve rispettare il termine perentorio di 180 giorni, pena la revoca del finanziamento, per l'espletamento della gara di appalto e consegna dei lavori all'impresa aggiudicataria.

Scopo del progetto è quello di realizzare un insieme sistematico di opere finalizzate al raggiungimento di obiettivi diversificati riguardanti: la riqualificazione urbana di spazi per la cittadinanza; la promozione di spazi aggregativi; la realizzazione di interventi a basso impatto ambientale; l’utilizzo di materiali e tecnologie ad elevato contenuto ambientale; il miglioramento del benessere della popolazione urbana; il miglioramento architettonico dell’area di progetto. Incrementare l’offerta turistica e migliorare la qualità di vita dei residenti sono gli obiettivi preminenti. La piazza sarà divisa in tre macrozone (area giochi, area accoglienza, area per manifestazioni): la parte aggettante sul lungomare sarà quella destinata all’affollamento e alle iniziative organizzate soprattutto nel periodo estivo;la parte intermedia arà destinata a spazio aggregativo e di incontro e sarà dotata di panchine e aree per brevi spostamenti e punti di riunione incoraggiati da disegni della pavimentazione che individuano delle isole o spazi di sosta immaginari; la parte retrostante, già delimitata dall’attuale assetto della piazza, manterrà la medesima destinazione di area attrezzata destinata ai giochi per bambini. La parte antistante, quasi in adiacenza all’arenile, sarà provvista di impianto di illuminazione con plafoniere a filo piano di calpestio con corpi illuminanti led. Previsto l’impiego di moderne tecniche di bioarchitettura mediante l’utilizzo di materiali ecocompatibili e impianti a energie alternative a basso impatto ambientale. La pavimentazione verrà rifatta e sarà interamente realizzata con pietre naturali dure di varia natura in modo da avere a disposizione diverse tonalità di colore. I lavori, una volta iniziati, dureranno circa 14 mesi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.