Giovedì 22 Agosto 2019
Presentato un progetto da 2,4 milioni per il corso d'acqua esondato nel 2016


Letojanni, messa in sicurezza del torrente Andreana: si punta ai fondi europei

di Andrea Rifatto | 19/09/2017 | ATTUALITÀ

1239 Lettori unici

Il torrente Andreana a monte della Statale

Letojanni punta ai fondi europei per mettere in sicurezza il territorio dai rischi derivanti dal dissesto idrogeologico. L’Amministrazione guidata dal sindaco Alessandro Costa sta infatti partecipando a un Avviso pubblico emanato dall’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente con un progetto riguardante il torrente Andreana, uno dei corsi d’acqua più insidiosi che attraversano il paese e la cui pericolosità si è manifestata senza non pochi danni nel corso dell’alluvione del 25 novembre dello scorso anno, quando fango, massi e detriti si riversarono sulla Statale 114 e sul corso Vittorio Emanuele, sommergendo piazza Matteotti fino al lungomare. L’Ente si è attivato redigendo un progetto da 2,4 milioni di euro che prevede la riqualificazione e il recupero ambientale del torrente Andreana: intervento che si punta a realizzare tramite i fondi del Po Fesr Sicilia 2014-2020, Asse 5, Azione 5.1.1 inerente “Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera”. Dopo l’invio dell’istanza alla Regione con l'allegata scheda Rendis che descrive in dettaglio le opere, avverrà la selezione dei beneficiari con la procedura di valutazione delle domande a graduatoria. L’Avviso ha una dotazione finanziaria complessiva pari a 155m milioni di euro.

Il progetto, redatto dal geometra Sergio Marino dell’Ufficio tecnico comunale, prevede opere di risagomatura dell’alveo nel tratto a monte della Statale 114 e dell’autostrada A18, con la realizzazione di tre vasche di calma nell’asta fluviale e la posa di barriere parafango, e la costruzione di uno scatolare profondo 2,5 metri nel tratto compreso tra corso Vittorio Emanuele, la via Cesare Battisti e il lungomare. Un’opera necessaria per disinnescare una vera e propria “bomba” a orologeria quale è l’Andreana insieme agli altri torrenti che attraversano Letojanni. Prosegue intanto l’azione del personale del Dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale-Servizio per il Territorio di Messina impegnato in questi giorni nella ripulitura e manutenzione dei letti dei torrenti Sillemi e Gallodoro, attività finanziate dalla Regione rispettivamente con 80mila e 120mila euro con i fondi del Piano di Azione e Coesione III Nuove Azioni, Azione B.6 Sottoazione B.2 “Manutenzione delle opere di difesa degli alvei e interventi di regimentazione delle acque”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.