Domenica 20 Ottobre 2019
Costituite le prime colonie per procedere alla sterilizzazione voluta dal Comune


Letojanni, parte il censimento dei gatti randagi grazie al lavoro dei residenti

14/06/2018 | ATTUALITÀ

1301 Lettori unici

Tre "gattare" al lavoro in municipio per il censimento

Prende il via la campagna di sterilizzazione dei gatti randagi presenti sul territorio di Letojanni, promossa dall’Amministrazione comunale e in particolare dalla vicepresidente del Consiglio, Francesca Gullotta. Nei giorni scorsi è stato avviato il censimento dei felini che vivono in diverse zone del paese attraverso una capillare schedatura dei gatti. Con un lavoro certosino e paziente, alcune residenti che si occupano di accudire i gatti randagi, procurando loro cibo e dando assistenza, hanno provveduto a scattate le foto per identificare i gatti, a ciascuno dei quali è stato dato un nome per riconoscerlo. Poi, durante una riunione tenutasi nell’aula consiliare (presenti anche la vicepresidente Francesca Gullotta e la consigliera Giusy Risini) sono state costituite le colonie, al momento sei, provvedendo ad inserire all’interno di ciascuna di esse i dati necessari quali il numero dei gatti che insistono nella zona, il sesso e approssimativamente l’età. Un’attività preliminare indispensabile per avere contezza del numero reale dei gatti che girovagano in alcune aree della cittadina. Adesso, il sindaco Alessandro Costa, dovrà inviare una dettagliata relazione al Servizio Veterinario dell’Asp 5 di Messina per segnalare la presenza delle colonie feline e richiedere gli interventi del caso tra cui anche la sterilizzazione dei gatti, al fine di arginare il fenomeno di randagismo e garantire migliori condizioni di carattere igienico-sanitario considerate anche le lamentele di alcuni cittadini. Ottimismo è stato espresso dall’assessore alla Polizia municipale, Carmelo Lombardo, che sta curando il progetto il quale ritiene che sia un’azione utile per tutelare i randagi ed anche per riscontrare le esigenze dei cittadini in fatto di igiene e decoro dell’ambiente. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.