Lunedì 16 Settembre 2019
Incontro all'Antica Filanda di Roccalumera con testimonianze sulla tematica


L'importanza di donare e donarsi raccontata dall'Avis di Alì Terme

05/12/2016 | ATTUALITÀ

1202 Lettori unici

L'incontro all'Antica Filanda

“Il Dono: ieri, oggi e domani”. É stato questo il tema di un incontro organizzato dall’Avis di Alì Terme nella splendida cornice dell’Antica Filanda di Roccalumera, in collaborazione con il Cesv di Messina e con il patrocinio del Comune. L’incontro, moderato da Vincenzo Saccà, responsabile medico dell’Avis aliese, ha affrontato il concetto di “dono” sia sotto il profilo sanitario, con particolare riguardo al sangue ed al midollo osseo, sia il significato sociale e morale che il termine riveste. Ne hanno parlato i massimi rappresentanti delle associazioni intervenute: il presidente regionale Avis Salvatore Mandarà; Andrea Pisacane, presidente dell’Avis provinciale di Messina e Salvatore Parrino, presidente dell’Admo Messina, che hanno illustrato la crescita delle due associazioni, i traguardi raggiunti, le notevoli difficoltà cui fanno fronte quotidianamente, soprattutto sul piano della disinformazione, i rapporti con strutture pubbliche. Serata arricchita dalle testimonianze di coloro che il dono speciale del sangue e del midollo lo hanno offerto o ricevuto. Fra queste, il ricordo di Rita Maria Fleres, da poco scomparsa, che della donazione del sangue ha fatto una propria battaglia personale in favore di quanti, come è accaduto per lei, attendono le necessarie cure negli ospedali. Giancarlo Trimarchi, allievo e amico di Rita Maria Fleres, ha intrattenuto i presenti con una composizione musicale della propria insegnante e ne ha tratteggiato un commovente ricordo. A seguire Nuccia Foti ha letto un toccante brano, tratto da una piccola opera della Fleres “Si salvi chi può”, in ricordo delle vittime dell’incidente ferroviario di Puglia dello scorso luglio, commentandone gli aspetti stilistici e la personalità eclettica dell’autrice. Infine Mariajosè Menza, donatrice di midollo osseo, ha condiviso con i presenti la propria esperienza e l’emozionante racconto di chi, con un gesto troppo spesso ostacolato da falsi timori e poca informazione, sa di avere salvato una vita.

Sono inoltre intervenuti il sindaco di Roccalumera, Gaetano Argiroffi; Filippo Isaja, responsabile della Croce Rossa Italiana di Roccalumera e Maurizio Crisafulli per il Cesv comitato locale e l’Avis s. Teresa, che con le loro esperienze di vita professionale ed associativa hanno dato nuovo e più ricco significato alla parola “dono”. Agatino Di Blasi e Vincenzo Saccà hanno tirato le conclusioni dell’incontro sul ruolo delle associazioni come organismi ove condivisione e solidarietà accrescono il senso civico del cittadino e sulla necessità di supporto da parte delle istituzioni alle attività di volontariato a sostegno del territorio e delle comunità.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.