Mercoledì 20 Novembre 2019
Il ministro Orlando ha firmato il decreto per il mantenimento di 285 sedi in tutta Italia


Giudici di pace, in Sicilia salvi 53 uffici

di Andrea Rifatto | 12/03/2014 | ATTUALITÀ

2732 Lettori unici

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha firmato il decreto che dispone il mantenimento di 285 uffici del giudice di pace in tutto il territorio nazionale, su 667 soppressi lo scorso 27 febbraio a seguito della recente riforma delle circoscrizioni giudiziarie. Sono state dunque accolte quasi integralmente le 297 istanze formulate dagli enti locali, che si impegnano a mantenere a loro cura e spese gli uffici giudiziari di prossimità nei loro territori. “Si tratta di un'ulteriore razionalizzazione collegata all’attuazione della nuova geografia giudiziaria - ha sottolineato il ministro Orlando -: dopo una articolata istruttoria si è introdotta così un’innovativa modalità di funzionamento degli uffici del giudice di pace, con un coinvolgimento diretto nella gestione del servizio giustizia da parte dei comuni interessati, che si faranno carico del reperimento del personale di cancelleria e dei necessari investimenti economici”. Al momento dell’entrata in vigore del decreto, diventerà definitiva la soppressione degli uffici del giudice di pace che non rientrano nell'elenco delle richieste accolte. Queste chiusure consentiranno in tempi brevi di recuperare personale da impiegare negli uffici giudiziari che risultino maggiormente in sofferenza dopo l'entrata in vigore della riforma. 

Ieri inoltre il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha incontrato i rappresentanti dei giudici di pace. Durante l’incontro il ministro ha assicurato la presentazione entro 15 giorni di un  disegno di legge governativo di riforma complessiva della magistratura onoraria. Il ministro ha anche assicurato le associazioni sul loro coinvolgimento diretto in merito agli interventi di riforma del processo civile che a breve saranno presentati. I rappresentanti dei giudici hanno espresso al ministro condivisione e apprezzamento per il provvedimento relativo all’armonizzazione dei loro uffici territoriali con la nuova geografia giudiziaria.  

 

In Sicilia rimangono operativi 53 uffici del giudice di pace: 9 nel Distretto di Messina, 11 in quello di Caltanissetta, 19 nel Distretto di Catania e 14 a Palermo.

 

Nel Distretto di Messina rimangono operativi:

Circondario di Barcellona P.G.: Milazzo, Novara di Sicilia

Circondario di Messina: Francavilla di Sicilia, Rometta, S. Teresa di Riva

Circondario di Patti: Naso, Sant’Agata di Militello, Sant’Angelo di Brolo, Tortorici

 

Nel Distretto di Caltanissetta:

Circondario di Caltanissetta: Mussomeli, Riesi

Circondario di Enna: Agira, Barrafranca, Centuripe, Leonforte, Piazza Armerina, Regalbuto, Troina, Mazzarino, Niscemi

 

Nel Distretto di Catania:

Circondario di Caltagirone: Militello in Val di Catania, Ramacca

Circondario di Catania: Acireale, Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Giarre, Mascalucia, Paternò, Randazzo

Circondario di Ragusa: Chiaramonte Gulfi, Vittoria

Circondario di Siracusa: Avola, Floridia, Lentini, Noto, Palazzolo Acreide, Sortino

 

Nel Distretto di Palermo:

Circondario di Agrigento: Licata

Circondario di Marsala: Castelvetrano

Circondario di Palermo: Partinico

Circondario di Sciacca: Bivona, Menfi, Partanna, Ribera

Circondario di Termini Imerese: Bagheria, Cefalù, Corleone, Gangi, Lercara Friddi

Circondario di Trapani: Alcamo

Più informazioni: giustizia  giudice di pace sicilia  mantenimento giudici di pace  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.