Sabato 24 Agosto 2019
Per giorni impossibile fare il bagno per una scia di liquami proveniente da nord


Mare sporco, a Sant'Alessio bagnanti inferociti. L'Amministrazione: "Non è colpa nostra"

di Andrea Rifatto | 09/08/2019 | ATTUALITÀ

1611 Lettori unici | Commenti 1

Le proteste dei bagnanti con l'assessore Trischitta

Una scia marrone che ha lasciato poco spazio all’immaginazione, circondata da bollicine, con un cattivo odore che ha ammorbato tutta l’aria. E i bagnanti sono stati costretti a rimanere sulla spiaggia, infuriati perché in quel tratto di mare era impossibile immergersi. Lo specchio d’acqua nella zona nord del paese è stato interessato ieri da un inquinamento durato diverse ore, dal mattino fino al pomeriggio, che ha causato non pochi disagi alle tante persone, tra residenti e villeggianti, che affollavano la spiaggia e non hanno potuto fare il bagno. A quanto pare si tratterebbe di liquami e altre sostanze non meglio identificate, presenti a pochi metri dalla riva tra la foce del torrente Agrò e via Sena. La corrente di scendente ha mantenuto la scia di sporcizia sempre in quel tratto, facendola girare più volte tra il largo e la battigia, tra la rabbia di quanti volevano trascorrere una serena giornata di relax. E le proteste non sono mancate. “Grazie all’Amministrazione che per il quinto giorno consecutivo è riuscita a trasformare il mare di S. Alessio in una fogna a cielo aperto! In 35 anni mai una cosa simile! – ha commentato Dario Zappalà, vicepresidente Giovani Confcommercio Catania e vacanziere nella cittadina del Capo – ogni anno ci sono stati sempre giorni in cui farsi il bagno era da mission impossible, ma parlavamo di uno-due, al massimo tre giorni consecutivi. Al quinto io non ci sono mai arrivato, almeno nella nostra zona che è vicino la foce del fiume. Per le altre zone non mi esprimo”.

A raccogliere tutte le rimostranze è stato l’assessore all’Igiene e Sanità Saro Trischitta, che ha discusso sul lungomare con i bagnanti spiegando loro come il Comune non abbia responsabilità per l’inquinamento del mare:“Anche noi abbiamo fatto questa amara scoperta – ci ha spiegato ieri l’amministratore – e abbiamo avvisato l’Asp, che ci ha risposto che avrebbe fatto giungere una motovedetta della Guardia costiera per le verifiche del caso. Non capiamo da dove provengano questi liquami, che a causa delle correnti fanno un giro particolare dal largo a riva trattenendosi in zona Sena. Di sicuro non arrivano dal nostro depuratore, che funziona correttamente”. Nei giorni scorsi si erano verificati sversamenti di fogna sulla spiaggia più a sud, sotto via Domenico Costa, per l’ostruzione della condotta del lungomare a causa di un sovraccarico: “Stiamo intervenendo con l’autoespurgo per ripulire la tubazione fognaria e abbiamo individuato il problema che ha provocato le fuoriuscite – aggiunge Trischitta – ossia un cedimento della strada che ha schiacciato la vecchia tubazione. Presto interverremo per ripristinarla così da evitare altri problemi”. I lavori sono iniziati già questa mattina.


COMMENTI

fahrenheit | il 09/08/2019 alle 23:45:38

con tutto rispetto per le persone nella foto...... ma dei bagnanti più giovani ed attraenti possibile che non li avete trovato???

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.