Martedì 22 Ottobre 2019
Fa discutere la sospensione delle vendite dal 19 per l'apertura della passerella


Mercato S. Teresa: malumori tra i venditori, l'Amministrazione rassicura sui tempi

di Andrea Rifatto | 05/04/2017 | ATTUALITÀ

2370 Lettori unici | Commenti 1

Il mercato questa mattina

Malumori questa mattina tra i commercianti del mercato quindicinale di S. Teresa di Riva. All’avvio delle attività di vendita, infatti, la Polizia municipale ha notificato l’ordinanza firmata ieri dal sindaco Cateno De Luca con la quale è stata decisa la sospensione del mercato a partire da mercoledì 19 aprile. Il provvedimento si è reso necessario in quanto con l’apertura della passerella sul torrente Agrò il traffico della Strada statale 114, tra S. Teresa e S. Alessio, verrà interamente deviato sul lungomare Giovanni Falcone e sul piazzale all’estremità sud del paese, in particolare nella zona lato mare, dove ogni 15 giorni gli ambulanti allestiscono le loro bancarelle. Secondo quanto comunicato dall’Anas, entro il 20 aprile la bretella sarà fruibile dai veicoli e di conseguenza il Comune si è visto costretto innanzitutto a sospendere il mercato e poi attivarsi per ripensare la disposizione degli stalli, che verranno spostati nell’area più a monte lungo la strada che conduce al depuratore e alle frazioni di Savoca. Il comandante della Polizia municipale, Diego Mangiò, è al lavoro per riorganizzare la disposizione di quasi metà dei circa 300 posteggi da riassegnare ai titolari di licenza e stabilire quali aree utilizzare per consentire a tutti i venditori di trovare spazio e riprendere regolarmente con le attività dopo la demarcazione dei singoli posteggi. Un’ampia area che potrà essere utilizzata è quella dell’ex Stat ma bisognerà prima demolire i capannoni, intervento già programmato da tempo dall’Amministrazione, e poi asfaltare il piazzale per consentire l’allestimento delle bancarelle. Intervento, quest’ultimo riguardante la stesura di un tappetino di asfalto, che secondo quanto discusso nei giorni scorsi sarà a carico dell’Anas come opera “compensativa”

“Non ci hanno dato tempi certi sulla ripresa del mercato – hanno detto stamane alcuni venditori – e certamente non ci fa piacere sapere di non poter più lavorare a S. Teresa. Speriamo che si trovi presto una soluzione perché anche i nostri clienti ci chiedono quando torneremo e non siamo in grado di dare una risposta”. Questa mattina è giunta in municipio la telefonata di un rappresentante sindacale che ha chiesto di poter interloquire con il sindaco per avere chiarimenti sulla questione. Il primo cittadino era però assente e ogni eventuale confronto è stato rinviato alla settimana prossima. “La sospensione del mercato avverrà solo per la giornata del 19 aprile – rassicura il vicesindaco Danilo Lo Giudice – perché in un mese contiamo di realizzare gli stalli nella zona a monte di piazza Mercato, fin a ridosso del depuratore, mentre successivamente si recupererà anche lo spazio dell’ex Stat così da avere un’ampia area per il mercato e zone per parcheggi”. L’Amministrazione conta quindi di far tornare la situazione alla normalità già a partire da mercoledì 3 maggio, escludendo ogni ipotesi di spostare in altre parti di S. Teresa l'intero mercato quindicinale. 


COMMENTI

Pinuccio rispondi | il 09/04/2017 alle 18:38:52

capisco che è dura per un ambulante vivere ma quanta evasione e merce cinese nelle bancarelle dei mercati, e i negozi locali

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.