Venerdì 18 Ottobre 2019
Il sindaco accoglie la proposta dei commercianti. Sulla stessa scia la minoranza


Nizza, il mercato riprende sul lungomare: esperimento con l’incognita traffico

di Andrea Rifatto | 22/09/2018 | ATTUALITÀ

3849 Lettori unici

Il mercato sul lungomare nizzardo

Riprenderà regolarmente sul lungomare il mercato quindicinale di Nizza di Sicilia. Dopo un turno di stop a seguito dell’ordinanza firmata dal sindaco Piero Briguglio per la chiusura sul ponte della Statale 114, il Comune ha deciso di accogliere la proposta fatta da Anva Confesercenti Catania, che rappresenta i commercianti, di proseguire con le vendite sulla via marina affiancando agli agenti della Polizia municipale altro personale, fissato in nove unità messe a disposizione dagli ambulanti a loro spese, per il controllo della viabilità. Proposta che nei giorni scorsi era stata bocciata dai Vigili urbani che avevano evidenziato seri pericoli per la sicurezza. Ma ieri l’Amministrazione ha deciso di fare un “esperimento” per il mercato di mercoledì 26 settembre: “A seguito dell’incontro tenutosi con i vigili urbani, gli stessi su mia indicazione hanno predisposto un piano viario per la riapertura provvisoria e temporanea del mercato quindicinale – spiega il sindaco Piero Briguglio – e pur sussistendo perplessità, ho ritenuto condivisibili sia il il piano viario sia il supporto logistico fornito da parte delle associazioni. Per tale ragione ho deciso di sospendere gli effetti dell’ordinanza. La riapertura del mercato avrà pertanto carattere provvisorio per il giorno 26 settembre e sarà valutato il mantenimento degli effetti della ordinanza di sospensione”. La nuova ordinanza stabilisce il divieto di sosta nella giornata del 26, dalle ore 5 al termine del mercato, sulla via Umberto I nel tratto tra le vie Garibaldi e Mazzini, sulla strada adiacente il torrente Fiumedinisi che collega via Magenta e l’intercomunale Nizza-Fiumedinisi, su via Degli Astronauti (ad eccezione dello slargo lato mare in corrispondenza dei civici 9 e 29 e  via Mazzini (tratto compreso tra la suddetta strada e corso Umberto I ad eccezione dello slargo lato Messina in corrispondenza dei civici 74 e 82). Tutto il traffico proveniente da Catania verrà deviato sulle vie Aldo Moro, Umberto I fino a raggiungere via Degli Astronauti e la bretella di collegamento con Alì Terme, mentre i mezzi che arrivano da Messina saranno dirottati sul collegamento adiacente il torrente Fiumedinisi e poi su via Degli Astronauti, via Mazzini e proseguimento sulla Statale 114.

Ieri il gruppo di minoranza “RinnoviAmo Nizza” ha scritto al sindaco e per conoscenza ad Anva Confesercenti sollecitando la riapertura del mercato. I consiglieri Giovanni Vega, Carlo Gregorio e Nella Foscolo hanno evidenziato come il parere della Polizia Municipale non sia vincolante e che “in un momento di grave crisi economica a livello territoriale, regionale, e nazionale, il mercato rappresenta per il nostro paese la più notevole realtà economica, riuscendo ad attirare una moltitudine di visitatori, provenienti da tutto il territorio circostante e che, oltre al mercato, fruiscono anche dei bar e delle altre attività commerciali presenti nel nostro paese”, ritenendo “che la proposta degli operatori sia meritevole di accoglimento, in via provvisoria e sperimentale e convinti che non si possa prolungare oltremodo tale situazione di incertezza, che determina,  per molte famiglie, grave preoccupazione e pregiudizio economico, con 140 lavoratori che alle spalle hanno relative famiglie e non possono perdere una fondamentale fonte di guadagno, attività commerciali presenti nel paese che non meritano di perdere tale opportunità di incremento delle entrate” e rimarcando che “se Nizza dovesse perdere il mercato, notevole realtà economica e prezioso patrimonio storico-culturale, sarebbe un ulteriore gravissimo fallimento, con significativa ricaduta negativa all’immagine del paese”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.