Martedì 22 Ottobre 2019
Otto dipendenti dell'area Barracca Ovest da domenica rimarranno senza lavoro


"No al licenziamento", la protesta dei lavoratori Autogrill di S. Teresa - VIDEO

di Andrea Rifatto | 22/05/2015 | ATTUALITÀ

2714 Lettori unici

I lavoratori di Barracca Ovest in sciopero

“Rinunciate al caffè, aiutateci a salvare il nostro posto di lavoro. Chi perde il lavoro oggi non lo trova più”. Con questo appello i lavoratori Autogrill dell’area di servizio Barracca Ovest di S. Teresa di Riva, sull’autostrada A18 Messina-Catania, hanno avviato da oggi lo sciopero ad oltranza indetto dalla Filcams-Cgil per protestare contro i licenziamenti decisi da Autogrill Spa nelle stazioni di servizio della provincia di Messina. I dipendenti dell’area santateresina hanno incrociato le braccia in difesa del proprio posto di lavoro, invitando gli utenti che giungono nell’area di servizio a non consumare o fare acquisti, come gesto di solidarietà e comprensione. Per decisione dell’azienda domenica 24 maggio l’area Barracca Ovest chiuderà battenti, lasciando così a casa otto lavoratori, mentre già dal 6 maggio la società Tamoil, che gestiva l’impianto di distribuzione di carburante, ha rimesso la licenza avviando le procedure per il licenziamento di altri sei unità.  “Siamo dipendenti con 25-30 anni di anzianità – hanno spiegato oggi i lavoratori Autogrill – e protestiamo perché l’azienda ha deciso unilateralmente di procedere con il licenziamento collettivo, senza darci alcuna possibilità di usufruire degli ammortizzatori sociali o del patto di solidarietà”. Lo sciopero partito oggi sta coinvolgendo anche le aree di servizio di Tremestieri e Tindari: in totale sono 58 i dipendenti che rischiano il posto e per i quali la Filcams-Cgil di Messina ha chiesto la ricollocazione del personale in ambito provinciale o al massimo regionale, ottenendo però come risposta la proposta di soli quattro posti di lavoro part-time a 24 ore Firenze. “Non si può scaricare così sui lavoratori la chiusura di uno dei punti del territorio”, hanno fatto presente il segretario generale della Filcams-Cgil di Messina, Carmelo Garufi, e Andrea Miano della segreteria provinciale, che oggi hanno partecipato ai presidi di Tremestieri e S. Teresa di Riva. Nel caso di Barracca Ovest, dove l'adesione allo sciopero è stata del 100%, i lavoratori non si spiegano i motivi che hanno spinto Autogrill Spa alla chiusura, considerato che l’area ha sempre mantenuto un alto livello di produttività garantendo incassi costanti per la società. Le speranze di vedere garantito il posto sono però ormai ridotte al lumicino.


Intervista a Francesco Trimarchi, dipendente Autogrill Barracca Ovest

Più informazioni: sciopero dipendenti autogrill  barracca ovest  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.