Domenica 15 Dicembre 2019
Avviato un progetto con l'associazione Carpe Diem nei plessi di Taormina, Trappitello e Letojanni


"No alla droga, vivi il tuo domani", studenti consapevoli all'Ic Taormina 1

22/03/2015 | ATTUALITÀ

1169 Lettori unici

Iniziativa finanziata dalla Regione Siciliana

È stato avviato ufficialmente presso l’Istituto comprensivo “Taormina 1” il progetto "No alla droga, vivi il tuo domani", finanziato dall'assessorato regionale alla Famiglia, alle Politiche Sociali ed al lavoro nell'ambito delle azioni volte a sensibilizzare i giovani studenti delle scuole secondarie di primo grado contro tutte le forme di dipendenza (alcool, droga, uso  compulsivo degli strumenti elettronici, gioco, etc). Il progetto, coordinato dalla dirigente scolastica Carla Santoro e dalla docente Demuro Franca, vede la partecipazione dell'associazione “Carpe Diem” Onlus di Taormina e coinvolge le classi terze della scuola secondaria dei plessi scolastici di Taormina centro, Trappitello e Letojanni, afferenti l'Ic “Taormina 1”. Le attività previste in raccordo con gli uffici regionali hanno già permesso la formazione del personale con gli esperti dell'Università di Messina e Palermo, e adesso si concentreranno sullo svolgimento di attività di laboratorio con i ragazzi. Sono previsti incontri tematici che vertono sul tema del contrasto alla tossicodipendenza e alla non sottovalutazione del fenomeno dell'uso occasionale di droghe leggere. Gli studenti potranno confrontarsi con una psicologa che curerà la sensibilizzazione dei giovani su temi così delicati e con una neuropsichiatra, che illustrerà loro le conseguenze mediche delle dipendenze patologiche. Durante il progetto è prevista la realizzazione di una clip cinematografica che veda protagonisti gli studenti e la produzione di elementi d'arte che siano da stimolo per i giovani, che li aiutino a riflettere su un fenomeno fin troppo diffuso. "Non dobbiamo sottovalutare - ha dichiarato la dott.ssa Santoro, dirigente del Comprensivo – un fenomeno ampio e in crescita come l'uso occasionale delle droghe leggere. Purtroppo si abbassa sempre più l'età del primo approccio a questo fenomeno ed è giusto che i ragazzi arrivino preparati alle sfide che li attendono fuori da questa scuola. Il nostro compito – ha proseguito –  è quello di dar loro gli strumenti per capire cosa è bene e cosa non lo è, e quali sono le conseguenze di gesti che spesso ritengono banali o assolutamente innocui. La scuola – ha concluso la dirigente – è pronta alle sfide che la società le pone di fronte e noi vogliamo dare il meglio per i nostri giovani". Anche l'associazione Carpe Diem di Taormina ha espresso il più ampio apprezzamento per il lavoro svolto dal team scolastico e per la gestione dell'assessorato regionale. "È un'occasione d'oro - ha dichiarato Pippo Calà, presidente di Carpe Diem - per colmare un vuoto educativo. Molto spesso a casa, lo dico da genitore, si fa fatica ad affrontare con i propri figli certi argomenti. Si pensa sempre che sono fenomeni che riguardano gli altri. Ringrazio la dirigente per la sensibilità con cui ha accolto questo nostro progetto e per la passione che mette nel portarlo avanti". 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.