Domenica 25 Agosto 2019
Assemblee a Furci e Motta Camastra: in 95 senza stipendio da mesi e allo stremo


"Non possiamo più mangiare": appello ai sindaci dei lavoratori Ato Me4 - INTERVISTE

di Andrea Rifatto | 12/02/2019 | ATTUALITÀ

3028 Lettori unici

I lavoratori Ato con il segretario Fp Cgil Pino

"Così non possiamo più mangiare, ogni giorno che passa abbiamo difficoltà a raggiungere il posto di lavoro perchè non riusciamo a rifornire di carburante i nostri mezzi privati e la situazione è sempre più insostenibile". Sono allo stremo i 95 lavoratori dell'Ato Me4 che da due mesi sono senza stipendio ma continuano regolarmente a garantire i servizi di raccolta rifiuti e igiene ambientale in 20 comuni soci tra la zona jonica e la valle dell'Alcantara. Dalla società in liquidazione attendono ancora le spettanze di dicembre e gennaio e il saldo della tredicesima, senza contare che tra pochi giorni le mensilità arretrate saliranno a tre con lo stipendio di febbraio. Questa mattina circa 40 si sono ritrovati nel Centro raccolta rifiuti di Furci, insieme al segretario provinciale della Fp Cgil di Messina, Carmelo Pino, per discutere della vicenda e chiedere a gran voce una risoluzione a breve. Altri colleghi si sono riuniti al Ccr di Motta Camastra, con il segretario provinciale Uiltrasporti Giacomo Marzullo. Ieri i due sindacati hanno indetto uno sciopero per il 21 febbraio, dove tutti i lavoratori incroceranno le braccia garantendo solo i servizi essenziali di raccolta rifiuti negli edifici pubblici, municipi esclusi, per dare un segnale forte agli amministratori locali, affinchè versino al più presto le somme alla gestione commissariale dell'Ato Me4, che non ha liquidità in cassa, consentendo così il pagamento degli stipendi. Il commissario dell'Ato Me4, Francesco Mannone, ha garantito che i primi soldi che arriveranno saranno destinati ai lavoratori. Intanto ci sono già problemi per rifornire di gasolio i mezzi di raccolta e accedere al centro di smaltimento dell'organico, che rischia quindi di finire in discarica con l'indifferenziato.

LE INTERVISTE A CARMELO PINO E DUE LAVORATORI ATO ME4


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.